Avvenire di Calabria

Intervista al riconfermato presidente dopo il voto dell'assemblea dell'ente al servizio delle associazioni

Csv dei “Due Mari”, Bognoni: «Ecco le sfide del volontariato»

La ripartenza dopo la pandemia e il dialogo con enti e istituzioni del territorio le priorità

di Francesco Chindemi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il rinnovo delle cariche sociali del Centro servizi per il Volontariato dei Due Mari ha portato alla riconferma del presidente, Ignazio Giuseppe Bognoni. Nel corso dell’assemblea dei soci che si è riunita il 23 ottobre scorso è stato eletto anche il Consiglio direttivo di cui fanno parte Stefano Caria, Orsola Foti, Maria Franco, Giovanna Micalizzi, Claudio Panella, Domenico Reale, Antonia Romeo, Nicoletta Rossi. Definiti anche il Collegio dei garanti di cui fanno parte Giuseppe Demasi; Alberto Gioffrè; Michelino Verzì e l’organo di controllo di cui fanno parte come effettivi Margherita Triolo e Diego Ziino; come supplenti Luigi Pellegrino e Roberto Alfredo Turano.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Subito dopo la rielezione abbiamo chiesto al presidente Bognoni cosa rappresenta per lui questa riconferma alla guida del Csv dei Due Mari: «È un riconoscimento non alla mia persona, ma al lavoro svolto in questi anni che ha consentito al nostro Centro servizi di crescere e ad essere accreditato alla rete dei centri servizi a livello nazionale. Non è un caso che del nuovo direttivo facciano parte anche new entry, a conferma del coinvolgimento di sempre più realtà attive nel mondo del volontariato reggino». Secondo Bognoni, questo «è un fatto importante per il nostro territorio, considerato che negli ultimi anni alcune associazioni hanno smesso di svolgere la loro attività o per fragilità o per carenza di volontari. Sarà uno dei compiti del nuovo direttivo incontrare, conoscere e sostenere anche queste realtà più piccole, ma non per questo meno importanti».

Il volontariato ha sofferto a causa del Covid. Come ripartire dopo la pandemia e in che modo il Csv può sostenere il settore?

La pandemia ha condizionato i rapporti tra associazioni, alcune delle quali hanno dovuto rivedere le proprie modalità operative. È stata una sfida molto impegnativa per le nostre realtà, in quanto abituate a svolgere un’opera di prossimità. Ciò ha fatto maturare, tuttavia, una nuova consapevolezza su identità e ruolo del volontariato. Il nostro mondo è fatto di persone che operano a favore della comunità, ma siamo anzitutto persone che hanno in desiderio di riprendere in mano la propria vita e di esprimere attraverso il volontariato l’esigenza di bontà, giustizia e bellezza. È necessario, dunque, ripartire dalle relazioni, innanzitutto tra volontari e associazioni. Un impegno culturale, ma che è la priorità del nostro Centro servizi. La parola d’ordine è “sostenibilità” che non significare sostenere economicamente, ma qualificare e formare i volontari, ricercarne di nuovi. Aiutare le associazioni a interloquire con la pubblica amministrazione, sostenerle nella progettazione sociale e avere anche maggiore contezza delle realtà e delle problematiche del territorio in cui siamo chiamati ad operare.

Secondo lei il volontariato è stato sufficientemente tenuto in considerazione rispetto Pnrr?

Purtroppo né il volontariato e, nell’insieme, neanche il Terzo settore sono stati adeguatamente considerati. Tra l’altro abbiamo in fase di elaborazione un protocollo d’intesa con il Forum del Terzo settore regionale che guarda a instaurare maggiore sinergia tra chi ha la funzione di rappresentanza e chi ha la funzione di servizio. Inoltre abbiamo intenzione di attuare una maggiore e incisiva azione per richiedere quell’attività di co-progettazione e co-programmazione, prevista dal codice del Terzo settore e che anche le ultime sentenze della Corte Costituzionale prevedono. Negli ultimi giorni ci sono stati vari dibattiti su questo tema a livello nazionale. Penso alle Giornate di Bertinoro sull’economia sociale e non ultimo durante la Settimana Sociale dei cattolici italiani, dove sull’argomento si è espresso il professor Stefano Zamagni, con un richiamo alla necessità di valorizzare le realtà sociali, dal Terzo settore al volontariato, in quanto ricchezza per i territori.

Guardando alla realtà calabrese, quanto è necessario un rinnovato dialogo con istituzioni e politica?

Il Forum del Terzo settore e tutti i tre Centri di Servizio per il volontariato calabresi hanno chiesto in maniera chiara l’istituzione di un assessorato specifico e serio riguardo le Politiche sociali e il welfare. La nostra è una regione che vive grandi emergenze sociali. L’istituzione di un assessorato dedicato ritengo sia di per sé qualcosa di necessario assieme alla legge regionale sul welfare, rimandata più volte, che speriamo possa trovare presto approvazione, già in questa legislatura.

Articoli Correlati

Agiduemila

Presentato il nuovo calendario di Agiduemila: come averlo

È stato presentato nei giorni scorsi. Può essere un doppio dono di Natale, il Calendario 2022 di Agiduemila. Un’iniziativa che si rinnova in vista del nuovo anno. Scopo sostenere le iniziative dell’associazione che si occupa di disabilità

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.