Avvenire di Calabria

Chiesto e ottenuto un tavolo tecnico

Degrado uffici giudiziari di Palmi. La Uilpa ricevuta dal prefetto

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Avevamo già trattato ampiamente la questione sicurezza degli uffici giudiziari di Palmi e finalmente, giovedì 29 aprile, su nostra richiesta si è tenuto in modalità di conference call, il tavolo tecnico indetto dalla Prefettura di Reggio Calabria e al quale abbiamo partecipato come parte sociale». Lo annuncia soddisfatta Patrizia Foti – Vice Coordinatore Nazionale Giustizia della UILPA.

Alla riunione, presieduta dal Prefetto Massimo Mariani, sempre sensibile alle problematiche dei lavoratori, hanno preso parte anche il Sindaco di Palmi Giuseppe Ranuccio, il Dirigente della Direzione Generale delle Risorse Materiali del Ministero della Giustizia Ing. Domenico Menale, il funzionario del Ministero della Giustizia Ing. Marco Nasso, il Presidente del Tribunale di Palmi Dott.ssa Concettina Epifanio, il responsabile aziendale UILPA giustizia Dott. Gabriele Trimboli.

 «A riassumere l’oramai annosa questione – prosegue Foti – l’Ing. Menale che ha ribadito la necessità di un celere intervento da parte del Comune di Palmi affinché provveda alla rimozione dei pannelli fotovoltaici, causa principale del degrado degli edifici che ospitano gli uffici del Giudice di Pace e UNEP, in modo da poter procedere in breve tempo alle necessarie opere di manutenzione. Il Sindaco Ranuccio ha dato massima disponibilità sull’intervento, di concerto con la ditta installatrice congiuntamente convocata per un sopralluogo necessario all’avviamento del cantiere».

«Come UILPA abbiamo subito ribattuto sull’estrema necessità di un rapido intervento per scongiurare il pericolo di crollo, ringraziando nel contempo la Direzione Generale del Ministero della Giustizia per l’attività svolta con estrema rapidità e professionalità. Anche stavolta – dichiara Foti – grazie alle nostre battaglie e alle nostre denunce siamo riusciti a mettere in evidenza un grave problema di pregiudizio per la salubrità e la sicurezza dei lavoratori, portando la questione sul tavolo del Direttore Massimo Orlando, Dirigente Generale della Direzione Generale delle Risorse Materiali del Ministero della Giustizia, che ha “acceso un faro” sulla questione Palmi, così come ribadito dallo stesso Ing. Menale che, dopo aver ascoltato le disamine degli intervenuti ha ritenuto opportuno chiedere al Sindaco Ranuccio un intervento in somma urgenza che possa garantire in tempi brevi il ripristino delle condizioni di sicurezza anche con accurate verifiche statiche di tutte le parti interessate, in modo da superare lungaggini che potrebbero scaturire da eventuali contenziosi».

«Il rispetto della sicurezza, della salute e della vita viene prima di tutto – continua Foti – ed è per questo che noi, come parte sociale puntiamo su prevenzione e su azioni concrete assumendo l’impegno comune che costringa politica e Governo ad adottare interventi sinergici per raggiungere l’obiettivo di “Zero morti sul lavoro"».

«Siamo certi – conclude Foti – che l’unità d’intenti che ha accomunato tutti i convenuti al tavolo tecnico da noi fortemente voluto, possa essere il giusto punto di partenza per ridare ai lavoratori la giusta dignità e l’essenziale sicurezza e salubrità nel rispetto della vita».

Articoli Correlati

Giustizia. De Magistris condannato per diffamazione in Calabria

«Sono stato condannato dal tribunale di Lamezia Terme per diffamazione ai danni di Salvatore Murone che quando ero sostituto procuratore a Catanzaro era procuratore aggiunto». Ad annunciarlo è lo stesso sindaco di Napoli Luigi De Magistris su facebook.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.