avveniredicalabria

Un storia di impegno, tra tradizione e innovazione, voluta e promossa dalla Comunità Sant'Arsenio

Differenziata in sella agli asinelli, il progetto ad Armo

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Differenziata in sella agli asinelli, la storia della cooperativa di Armo. L'occasione per evidenziare questa bella storia di impegno è stata la Giornata mondiale dell'ambiente, celebrata ieri, e che ha portato "a emersione" la testimonianza social dei ragazzi della Comunità Sant'Arsenio, fondata il 31 gennaio 2005 a Reggio Calabria, ad opera di trenta di giovani che spronati e guidati dall’intuizione profetica del parroco del tempo, don Valerio Chiovaro.

Nei giorni scorsi, la coop reggina ha ospitato i bambini della scuola dell’Infanzia dell’Istituto San Vincenzo de' Paoli di Reggio Calabria: così gli allievi hanno vissuto una mattinata assieme all'asinello "Ciuchino" per comprendere e sperimentare la raccolta differenziata dei rifiuti.

«Ormai da 3 anni - si legge sulla fan page di Facebook della cooperativa - la Comunità Sant’Arsenio svolge il servizio di raccolta porta a porta con gli asinelli nel borgo di Armo. Un’esperienza che, dopo un primo momento di conoscenza e dimestichezza da parte degli abitanti del borgo, grazie alla loro disponibilità e pazienza, è sicuramente da considerare un grande successo con un grande obiettivo: dare un futuro migliore alle nuove generazioni, cercando di recuperare il tempo perso nei decenni scorsi, migliorando il luogo dove viviamo e cercando di farlo attraverso la formazione di nuove coscienze critiche e civiche».

Un interessantissimo matching tra tradione e innovazione all'insegna del «rallentamento, che ci accompagna nei diversi progetti che stiamo portando avanti, - scrivono i soci della "Sant'Arsenio" - dal progetto “Orto e mangiato” ai “laboratori didattici” proposti. Fare la raccolta differenziata porta a porta con gli asinelli nel paese di Armo, invece che con i mezzi meccanici, riporta ai tempi dell’uomo, quelli fatti di pause, di relazioni con le persone, di sguardi e di parole dette».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.