Avvenire di Calabria

La comunità diocesana di Reggio Calabria - Bova è in festa per i 40 anni di sacerdozio di don Gianni Licastro

Don Gianni Licastro festeggia 40 anni di sacerdozio

L'anniversario ricade proprio oggi: era, infatti, il 5 settembre 1982 quando ricevette l'ordinazione sacerdotale

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La comunità diocesana, ed in particolare la parrocchia di Modena, sono in festa per i 40 anni di sacerdozio di don Gianni Licastro. L'anniversario ricade proprio oggi: era, infatti, il 5 settembre 1982 quando ricevette l'ordinazione sacerdotale.

Diocesi Reggio Calabria, anniversario di ordinazione sacerdotale per don Gianni Licastro

Una vita spesa al servizio delle comunità che gli sono state affidate: oggi don Gianni Licastro festeggia il 40esimo anniversario di ordinazione sacerdotale, ricevuta nel 1982 per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell'arcivescovo Aurelio Sorrentino.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Originario della parrocchia del Divino Soccorso, cresciuto nei gruppi parrocchiali con la guida di monsignor Salvatori Nunnari, don Licastro si è sempre contraddistinto per la sua capacità di relazione e le sue iniziative di animazione delle realtà aggregative. Tanto con l'Azione cattolica quanto con l'Agesci fino all'Associazione dei Portatori della Vara della Madonna della Consolazione di cui ancor oggi è assistente spirituale.


PER APPROFONDIRE: La Chiesa festeggia Santa Madre Teresa di Calcutta


Docente di religione di lungo corso, attualmente è parroco presso il Santuario della Madonna di Modena ed economo del Seminario arcivescovile "Pio XI". Recentemente intervistato da Avvenire di Calabria don Gianni Licastro, ha spiegato in parole semplici la docilità del pastore mite. Dopo vent’anni nel quartiere a sud di Reggio Calabria, don Licastro, infatti, ha affermato come «non mi piace mettere radici, quando il vescovo vorrà o i miei parrocchiani non mi sopporteranno più farò le valigie e me ne andrò».

Tutt’altro che distacco dalla comunità, ma un ricordarsi “l’origine” della sua vocazione: «Tutti cerchiamo una strada da seguire. Bene Gesù ha detto ai suoi discepoli “Io sono la via, la verità e la vita”. È tutto in lui ciò che ci rende felici, non dobbiamo cercare altrove». La comunità parrocchiale di San Pio X al Santuario di Modena festeggerà don Gianni oggi pomeriggio, rendendo grazie al Signore per il dono del suo sacerdozio durante la messa delle ore 18.30.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».