Avvenire di Calabria

Il sacerdote, svegliatosi dal coma, ha rilasciato delle dichiarazioni all'agenzia Sir

Don Giorgio Costantino: «Perdono quei ragazzi»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Vorrei dire che mi sono sempre impegnato a favore di questi giovani e continuerò a farlo”. Sono alcune parole al Sir di mons. Giorgio Costantino, il sacerdote della parrocchia del Divin Soccorso di Reggio Calabria che, nella notte tra il 24 e il 25 maggio scorso, è stato aggredito da alcuni giovani. Mons. Costantino “perdona” quei ragazzi facendo “mie le parole di Gesù”. Il sacerdote, ricoverato oggi nel reparto di cardiologia dell’Ospedale “Riuniti” di Reggio Calabria – dopo aver subito un delicato intervento chirurgico – è ancora in prognosi riservata ed è “molto provato” per quanto avvenuto. La sua voce è “flebile” e “molto stanca” ci dice il nipote Domenico che, insieme a tutti i parenti, collaboratori ed amici, è vicino al sacerdote.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.