Avvenire di Calabria

Ad aggiudicarselo il Gruppo Goel assieme all'amministrazione comunale

Dopo il bando deserto, nasce l’ostello a Locri

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si chiama "Locride" ed è un ostello della gioventù che apre i battenti, a Locri, all'interno di un bene confiscato alla 'ndrangheta e ristrutturato alla bisogna. A gestire l'ostello, pensato per un "turismo responsabile", sarà il Consorzio Goel che si è aggiudicato l'assegnazione gratuita del bene, avendo la meglio su un'altra offerta, dopo che la precedente gara, indetta dal Comune di Locri la scorsa primavera, era andata deserta.
L'ostello "Locride" è una struttura ricettiva nuova e moderna di cinque piani con ascensore, in grado di ospitare fino a 45 persone. "Il progetto presentato da Goel, in collaborazione con il Comune di Locri, guidato dal sindaco Giovani Calabrese - è detto in un comunicato del Gruppo Goel - si propone di promuovere uno sviluppo turistico e sociale che restituisca valore al territorio in una modalità esattamente opposta e contraria all'usurpazione mafiosa che, invece, paralizza lo sviluppo e crea disoccupazione e precarietà per tutti".

Articoli Correlati

Beni confiscati, firmato il protocollo di rete

Il Consorzio Macramè, l’UniRiMi – Università della Ricerca, della Memoria e dell’Impegno “Rossella Casini” e l’Associazione San Benedetto Abate supportano così il progetto GIANO, per offrire servizi di accompagnamento, consulenza e formazione.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.