Avvenire di Calabria

Oggi, dalle 17 alle 20, sarà possibile ammirare il il Presepe meccanico, piccolo grande capolavoro di Ninì Sapone

Doppio appuntamento al Museo diocesano ”Aurelio Sorrentino”

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“In occasione del Natale il Museo diocesano propone la visita al Presepe meccanico del maestro reggino Ninì Sapone, allestito nella chiesa del Santo Cristo in via Miraglia (di fronte alle Poste centrali): venerdì 28 dicembre h 17-20 sarà possibile ammirare il piccolo grande capolavoro di Ninì, l’opera che per anni ha affascinato bambini e uomini di ogni età. Ispirandosi a un bozzetto del presepista reggino, il nipote Maurizio De Marco lo ha riallestito con l’impiego di avanzate tecnologie elettroniche: il Presepe meccanico continua, così, a raccontare, nell’alternarsi delle fasi del giorno, il passaggio della Cometa, la nascita del Salvatore e le quotidiane attività del popolo, ispirate alla tradizione calabrese, tra mirabili giochi di luce ed effetti scenici”. “Domenica 30 dicembre tra le 17 le 20 l’appuntamento sarà al Museo diocesano con un’attività ludo-didattica dal titolo “Natale in arte e gioco” rivolta ai bambini dai 5 ai 10 anni, ai quali sarà proposta una visita speciale al Museo, ove, tra le splendide opere d’arte esposte si celeranno preziose scene presepiali da raccontare e attorno alle quali accendere gioco e creatività. L’apertura di domenica 30 dicembre è per tutti, anche per gli adulti che vogliano cogliere un’occasione straordinaria di visita domenicale: il Museo espone una straordinaria collezione d’arte sacra databile tra XV e XX secolo e ascrivibile ad artisti dell’Italia meridionale, ma anche d’Oltralpe, con nuove recenti acquisizioni e rientri da restauri”. E’ quanto si legge in un comunicato del Museo Diocesano di Reggio Calabria.

Articoli Correlati

L’Unitalsi Calabria ha un nuovo assistente

Durante i lavori della prima assemblea del 2023, il benvenuto al nuovo assistente spirituale e il ringraziamento a don Gianni Polimeni, «per anni guida costante e rassicurante».