Avvenire di Calabria

Riunione a Lamezia dei primi cittadini, stilato documento da sottoporre ai candidati alla presidenza

Elezioni regionali: le priorità dei sindaci calabresi

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Elezioni regionali, i sindaci calabresi fanno fronte comune e pongono le priorità in cima all'agenda politica calabrese in vista delle prossime consultazioni per il rinnovo del Consiglio regionale. Si è tenuto questa mattina a Lamezia Terme l'incontro tra i primi Cittadini delle principali città calabresi. Presenti, tra gli altri, il sindaco metropolitano di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, di Vibo Valentia, Maria Limardo, di Crotone, Vincenzo Voce ed il presidente regionale di Anci e sindaco di Rende Marcello Manna.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un confronto aperto ed approfondito che, partendo dalle principali criticità che si sono registrate durante gli ultimi mesi estivi, su tutte il tema degli incendi e quindi la protezione e la cura delle aree boschive, ma anche le problematiche dall'atavica carenza idrica che sta interessando l'intero territorio regionale, ha fissato gli obiettivi da sottoporre in un documento ai candidati alla guida della Cittadella regionale che si confronteranno appunto con le proposte avanzate dai sindaci.

Elezioni regionali, rifiuti e ciclo dell'acqua le emergenze

Tra le priorità assolute individuate dai rappresentanti dei Comuni calabresi da sottoporre ai candidati alla presidenza in vista delle elezioni regionali quindi, il ciclo integrato dei rifiuti, il ciclo dell'acqua e la depurazione, ed ancora il tema del dissesto idrogeologico e, come evidenziato dagli eventi delle scorse settimane, la protezione e la cura del territorio e delle risorse forestali. «Una serie di temi - ha spiegato il sindaco metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà a margine dell'incontro - con i quali i sindaci si confrontano quotidianamente e che abbiamo deciso di affrontare in maniera collettiva, con l'obiettivo di proporre a livello regionale una piattaforma in grado di dare delle risposte concrete a chi amministra ma soprattutto all'intera comunità calabrese».

Le puntualizzazioni dei sindaci, parla Falcomatà

«Insieme ai colleghi sindaci abbiamo voluto affrontare i problemi e le questioni più importanti in maniera collegiale ed attraverso una piattaforma unitaria, al di là di tutte le appartenenze geografiche o partitiche, che non devono rappresentare un limite al dialogo e soprattutto alla rappresentanza delle istanze territoriali». Ha detto ancora il sindaco di Reggio sulle priorità da sottoporre, in vista delle prossime elezioni regionali, agli aspiranti governatore.


PER APPROFONDIRE: La lettera dei vescovi ai politici calabresi in vista delle elezioni regionali


«Siamo qui da sindaci - ha spiegato - da amministratori abituati ad affrontare i problemi personalmente e direttamente, con un approccio pragmatico funzionale alla risoluzione delle questioni. Ed in questo senso trovo che la discussione avviata insieme ai colleghi dei più grandi Comuni calabresi abbia un valore straordinario. Un confronto molto proficuo e concreto, all'insegna dell'unità, che ci ha consentito di stilare un documento che pone all'attenzione di tutti i candidati alla carica di Governatore alle elezioni regionali le problematiche più importanti cui vanno incontro i Comuni e quindi i cittadini calabresi. Questioni che affondano le loro radici molto indietro nel tempo e che sono frutto di una scarsa o addirittura nulla capacità di programmazione da parte della politica regionale. In questo senso - ha concluso Falcomatà - chiediamo un'attenzione particolare alle priorità individuate, sulle quali è necessario agire con urgenza per un'attività di riforma, in termini organizzativi e di risorse, soprattutto nella fase della programmazione regionale che ha ovviamente ricadute decisive sui territori».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.