Avvenire di Calabria

Il Cardinale Robert Sarah - Prefetto della Congregazione per il Culto Divino scrive ai vescovi

Eucaristia, è bene non dimenticare alcune norme

«I pastori sono tenuti a ricordare ai sacerdoti le loro responsabilità»

Marco Mancini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da Aci Stampa

Dietro ordine del Papa, il Cardinale Robert Sarah - Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti - ha scritto una lettera ai vescovi per ribadire l'importanza del Sacrificio Eucaristico indicando alcuni suggerimenti per la preparazione dello stesso. Il Vescovo è «tenuto a ricordare ai sacerdoti la loro responsabilità nel verificare chi provvede il pane e il vino per la celebrazione e l’idoneità della materia. Spetta inoltre all’Ordinario informare e richiamare al rispetto assoluto delle norme i produttori di vino e di pane per l’Eucaristia».

Dopo aver ricordato le norme in materia eucaristica - anche per quanto riguarda le particole prive di glutine o composte da organismi geneticamente modificati - il Cardinale Sarah ha rammentato che «quanti confezionano il pane e producono il vino per la celebrazione devono nutrire la coscienza che la loro opera è orientata al Sacrificio Eucaristico e ciò domanda loro onestà, responsabilità e competenza ». Viene suggerito infine alle singole Conferenze Episcopali di poter «incaricare una o più Congregazioni religiose oppure altro Ente in grado, di compiere le necessarie verifiche sulla produzione, conservazione e vendita del pane e del vino per l’Eucaristia in un dato Paese e in altri Paesi in cui vengano esportati.

Si raccomanda anche che il pane e il vino destinati all’Eucaristia abbiano un conveniente trattamento nei luoghi di vendita" in modo da contrastare così il venir meno del rispetto per l’ambito del sacro».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.