Avvenire di Calabria

Ieri la santa messa celebrata nell'Aula "Spinelli" del presidio "Riuniti" del Grande ospedale metropolitano

Giornata del malato, la statua della Madonna di Lourdes accolta al Gom di Reggio Calabria

Domenica il doppio appuntamento: al mattino la nella Cappella del Gom e al pomeriggio a Palazzi Marina la celebrazione presieduta dall'arcivescovo Morrone

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Giornata Mondiale del Malato fa riferimento al miracolo che l’Evangelista Giovanni descrive nel Capitolo 5 e che trova sintesi nel versetto 7: «Signore, non ho nessuno   che mi immerga nella piscina» e che orienta il pensiero cristiano sull’universalità e il diritto di accesso alle cure. Mentre il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Malato indica, attraverso un richiamo ad una maggiore sensibilità verso chi soffre, un tema complementare al miracolo della guarigione: «Non è bene che l’uomo sia solo. Curare il malato curando le relazioni».

Il significato della Giornata del Malato

I significati, i contesti e i valori contenuti nel miracolo descritto dall’evangelista Giovanni e nella voce di Papa Francesco ci richiamano ad una attenzione significativa verso chi soffre.


Adesso siamo anche su WhatsApp, non perdere i nostri aggiornamenti: VAI AL CANALE


Diventa allora prioritario accostarci a questo tempo con la voglia di acquisire maggiore conoscenza per poter affrontare questa sfida che viene rivolta a tutti attraverso i nostri cari che invecchiano o parenti e amici la cui vita si presenta con percorsi ardui da affrontare e superare.

Per non alimentarsi delle frasi di circostanza che rendono banale la relazione d’incontro con chi soffre, occorre dedicarci del tempo e acquisire conoscenza su come e perché Gesù ha voluto guarire “quel” paralitico e cosa legge del mondo della sofferenza Papa Francesco che ci richiama ad una relazione di conforto significativa con i malati a noi vicini.

Gli appuntamenti della settimana

Per accompagnare la Giornata Mondiale del Malato, nella Diocesi, è stato stilato un programma intenso di iniziative di seguito descritte:


PER APPROFONDIRE: Giornata mondiale del malato, l’Effigie di Lourdes a Reggio Calabria


Ieri, giovedì 8 febbraio alle ore 11 presso la Cappella GOM del Riuniti di Reggio Calabria è stata accolta la statua pellegrina della Beata Vergine Marina di Lourdes accompagnata dall’Unitalsi. Subito dopo c’è stata la Messa nell’Aula “Spinelli” animata dal coro ospedaliero del Gom. Ha celebrato don Antonio Bacciarelli, Assistente diocesano Unitalsi. Al termine della celebrazione c’è stata la Benedizione degli ammalati presenti.

Venerdì 9 febbraio alle ore 16 viene trasmesso in diretta un momento di preghiera di ringraziamento a Dio per i curanti, “INVECE UN SAMARITANO”. Dalle Cappelle di: • GOM “Bianchi-Melacrino-Morelli” - Reggio Calabria • P.O. “G.F. Ingrassia” Monreale (PA)•  Centro di cure palliative pediatriche Bambino Gesù - sede di Passoscuro (RM) • Clinica “Villa San Giusto”- Gorizia. È in diretta sul Canale YOUTUBE  della Pastorale della salute della Cei.

Domenica è la Giornata del Malato, le celebrazioni nella diocesi di Reggio Calabria

Domenica 11 febbraio alle 9:30 ci sarà la Santa Messa Solenne nella Cappella del GOM presieduta dal Cappellano don Stefano Iacopino che a conclusione benedirà tutti gli ammalati.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Alle ore 15:30 la Parrocchia di Palizzi Marina accoglierà la Celebrazione Diocesana della Giornata Mondiale del Malato che inizierà con la recita del S. Rosario itinerante guidato da monsignor Leone Stelitano. A seguire la Santa Messa che sarà presieduta dal monsignor Fortunato Morrone e concelebrata di Parroci della Zona presente anche don Stefano Iacopino Direttore Ufficio Pastorale della Salute della Diocesi. Sarà amministrato il Sacramento dell’Unzione degli Infermi. I Cori della Zona pastorale di Bova animeranno la Santa Messa e si esibiranno in un Concerto di Canti Mariani tradizionali al termine della Celebrazione.

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?