Avvenire di Calabria

Questo il commento del presidente provinciale della Città dello Stretto rispetto all'atto vandalico cha colpito un asilo comunale

Giornata mondiale dell’Infanzia, Unicef: «Reggio, lesi i diritti»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo aver appreso dell’amara vicenda che ha colpito l’Asilo comunale “Federico Genoese” sito in Via Aschenez, il Comitato Provinciale UNICEF di Reggio Calabria esprime profondo sdegno e amarezza per quanto accaduto.

“A ridosso del 20 Novembre – Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza – vengono lesi i diritti fondamentali dei più piccoli. Nella notte appena trascorsa è stato calpestato il loro diritto allo studio, al gioco e il loro diritto di stare insieme. A nome dell’intero Comitato esprimo ferma condanna per quanto accaduto. Ancora una volta, è stato saccheggiato un presidio di umiltà e ragione”. Lo afferma il Presidente provinciale UNICEF, Dott. Emanuele Mattia.

Nei giorni scorsi, la Città Metropolitana di Reggio Calabria, in accordo con il Comitato UNICEF reggino, aveva approvato in Consiglio l’adesione al Progetto nazionale e internazionale UNICEF “Città amiche dei bambini” (Child-Friendly Cities). Situazioni come questa confermano come sia fondamentale andare avanti verso questa direzione per portare in Città quel cambiamento culturale che ancora tarda ad arrivare.

“Esprimo inoltre – conclude il Presidente provinciale - la mia vicinanza agli studenti, alle loro famiglie e a tutte le operatrici e gli operatori dell’Asilo “Geneose” che sono stati colpiti in prima persona da questo vile atto. Ai piccoli studenti, ai maestri e alle maestre auguro di tornare presto in classe e andare avanti con la forza e la volontà di costruire un futuro migliore”.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»