Avvenire di Calabria

Con le ultime partenze, sono oltre 430 mila i corregionali che attualmente vivono all'estero

I calabresi che hanno lasciato l’Italia nel 2020: ecco quanti sono

È preoccupante il dato sull'emigrazione dall'Italia che emerge dal Rapporto Italiani nel Mondo

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 4.594 i calabresi che hanno lasciato nell'ultimo anno l'Italia, nel tentativo di cercare fortuna all'estero, per motivi di studio o lavoro. È quanto emerge dall'ultimo rapporto della Fondazione Migrantes, Italiani nel Mondo, presentato questa mattina a Roma. Si tratta di 2.016 donne e 2.578 uomini, pari al 4,2% della popolazione che pone la Calabria al nono posto della classifica nazionale per percentuale di persone che si sono trasferiti all'estero nell'ultimo anno.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Secondo il rapporto della Fondazione Migrantes, la comunità dei calabresi all'estero - con coloro che hanno lasciato l'Italia nell'ultimo anno - continua ad essere tra le più numerose oltre confine, per una popolazione pari a 430 mila unità. La Sicilia è invece la regione che conta più residenti all'estero 798 mila, seguita da Lombardia (561 mila), Campania (531 mila), Lazio (489 mila), Veneto (479 mila) e appunto la Calabria.


PER APPROFONDIRE: Rapporto Italiani nel mondo, il Covid non frena la fuga dall’Italia


Purtroppo l'aspetto preoccupante e che inesorabilmente da 5 anni a questa parte emerge anno dopo anno, è che l'Italia sta vivendo una nuova stagione migratoria, percorrendo pericolosamente e velocemente, una strada a senso unico, caratterizzata da svuotamento e spopolamento e dove alle partenze non corrispondo i ritorni.

Articoli Correlati

covid neuropsichiatri

Covid, l’allarme dei neuropsichiatri

Solo nel 2020, la Società nazionale degli esperti ha registrato nuovi dati. Si tratta di un aumento esponenziale dei ricoveri nel range d’età scolare. Non è da meno la Città sullo Stretto dove si è raggiunto un incremento pari al 30%.