Avvenire di Calabria

Grande partecipazione ad una emozionante funzione dedicata al ricordo dei Maestri del Lavoro defunti

I Maestri del Lavoro in preghiera alla chiesa del Soccorso

La messa è stata presieduta da don Gaetano Galatti presso la parrocchia del Divino Soccorso a Reggio Calabria

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I Maestri del Lavoro in preghiera alla chiesa del Soccorso. Grande partecipazione ad una emozionante funzione dedicata al ricordo dei Maestri del Lavoro defunti.

La messa dei Maestri del Lavoro

La messa è stata presieduta da don Gaetano Galatti presso la parrocchia del Divino Soccorso a Reggio Calabria. Il sacerdote, nella sua omelia, ha esaltato i valori del lavoro dando significato alla presenza ed ai valori dei Maestri del Lavoro.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Chi sono i Maestri del Lavoro?

Maestri del Lavoro sono quei lavoratori dipendenti che nel loro vissuto si sono distinti per meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale. Abbiano con invenzioni nel campo tecnico e produttivo migliorato l’efficienza degli strumenti, delle macchine e dei metodi di lavorazione. Abbiano contribuito con modalità originali al perfezionamento delle misure di sicurezza del lavoro. Si sono prodigati nell’istruire e preparare le nuove generazioni nell’attività professionale.


PER APPROFONDIRE: Maestri del Lavoro premiati col San Giorgio d’Oro


Quale è la loro azione?

Su questa linea di condotta, i Maestri del Lavoro in tutta Italia, sono attivi nel ruolo propedeutico del coniugare tra generazioni, con l’umiltà che li ha sempre distinti, il mondo del lavoro di ieri con quello di oggi e quello di domani, dialogando in una rete di testimonianze empiriche plausibili ed affermabili perché vissute.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»