Avvenire di Calabria

Nuove fragilità nell'età della crescita, ma i genitori se ne accorgono?

I pediatri: «Troppi casi di autolesionismo»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dati allarmanti in arrivo dalla Società Italiana di Pediatria, secondo cui addirittura otto ragazzi su dieci hanno sperimentato forme più o meno gravi di disagio emotivo, nel 15% dei casi sfociato addirittura in gesti di autolesionismo. I risultati preliminari dell’indagine condotta dalla Società Italiana di Pediatria rilevano infatti l’esistenza un disagio emotivo particolarmente diffuso tra i giovanissimi, appunto l’80%, fenomeno nel quale non è indifferente la distanza dalle figure adulte di riferimento, genitori in particolare e docenti. La ricerca è stata condotta in collaborazione con gli uffici scolastici regionali che hanno invitato gli alunni a rispondere ad un questionario informatizzato. A questa richiesta hanno risposto, in circa due mesi, più di 10 mila ragazzi, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, provenienti da tutte le regioni italiane. Oltre la metà dei giovani intervistati ha dichiarato di essere stato – sempre, spesso o solo qualche volta – talmente male da non riuscire a trovare sollievo. Non mancano purtroppo dati allarmanti anche sul bullismo. Un adolescente su tre lo ha subito in silenzio, altrettanti lo hanno praticato. Il 12% del campione è stato vittima di cyberbullismo mentre al 33% è capitato di subire atti di bullismo (il 20% raramente, l’8,4% qualche volta, il 3,3% spesso e il 2,1% sempre. Il 68% delle vittime però non ne ha parlato

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.