Avvenire di Calabria

Un momento davvero carico di emozione quello che ha visto come protagonista un cittadino di Reggio Calabria, da anni impegnato in attività umanitarie

Il reggino Lorenzo Festicini ricevuto in udienza da Benedetto XVI

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un momento davvero carico di emozione quello che ha visto come protagonista il nostro concittadino dott. Lorenzo Festicini, audioprotesista da anni impegnato in attività umanitarie come presidente dell’Istituto Nazionale Azzurro.
Presso lo Stato della Città del Vaticano, è stato ricevuto in udienza privata da Sua Santità il Papa Emerito Benedetto XVI.
Nell’intenso incontro il Dott. Festicini ha illustrato al Santo Padre i dettagli della missione umanitaria in Africa nella nazione del Benin.
Questa Missione Umanitaria che vedrà impegnati diversi medici reggini è frutto della collaborazione tra l’Istituto Nazionale Azzurro e l’Associazione Internazionale “Amici del Benin” presieduta da Mons. Giulio Cerchietti il quale, in un gemellaggio benedetto da Sua Eminenza il Cardinale Angelo Comastri, i due enti si sono uniti nell’operare per quei luoghi del mondo dove ancora oggi mancano beni di prima necessità.
Il Santo Padre Emerito dopo aver ascoltato le parole del Festicini ha voluto impartire la Sua Benedizione e la sua “nomina” ad “Ambasciatore di Pace in ogni parte del mondo, alla sequela degli insegnamenti del Card. Bernardin Gantin di v.m.”
Un motivo di orgoglio per tutta la nostra città e regione.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»