Avvenire di Calabria

Banca Generali analizza i dati di Abi e Bankitalia sullo sforzo delle famiglie in pandemia Per ottimizzarlo, però, serve l’aiuto di validi professionisti

Il risparmio dei calabresi alla prova dell’inflazione

L'opinione di Corrado Liguori: «Oggi i risparmiatori hanno a disposizione un ventaglio di soluzioni senza precedenti per allargare la diversificazione»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il risparmio dei calabresi alla prova dell’inflazione. Nuovo record per i depositi dei calabresi sui conti correnti. Liguori (Banca Generali Private): “C’è asimmetria tra l’eccesso di liquidità e i ritorni delle Borse. È il momento di pianificare con attenzione”.

Il risparmio dei calabresi alla prova dell’inflazione

I calabresi? Grandi risparmiatori, anche nei momenti di crisi. È questa la fotografia scattata da Abi e Bankitalia dopo oltre un anno e mezzo di pandemia. Secondo le ultime elaborazioni rese pubbliche dai due enti, infatti, la mole di denaro tenuta ferma sui conti correnti delle banche presenti sul nostro territorio è salita del 7% da inizio 2020. Merito soprattutto delle famiglie che hanno contribuito per quasi l’80% a questa cifra, ma anche delle imprese che, in un momento di forte incertezza, hanno preferito rimanere ferme rinunciando agli investimenti.

Una fotografia, quella della Calabria, che riproduce fedelmente anche la condizione generale in cui si trova l’Italia intera. Proprio nei giorni scorsi, infatti, l’Associazione delle banche italiane ha reso noto come a fine maggio 2021 le somme depositate sui conti correnti siano aumentate dell’8,2% rispetto allo stesso mese del 2020. Un balzo record che, tradotto in numeri pratici, significa flussi per oltre 135 miliardi di euro in più, per un totale di 1.774,6 miliardi di euro. In pratica, quasi l’intero Pil nazionale.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


“Questi numeri ben evidenziano il clima di incertezza in cui vivono le famiglie calabresi, un clima che percepiamo ogni giorno nel nostro lavoro sul territorio – spiega Corrado Liguori, Area Manager di Banca Generali Private nel Sud Italia, che aggiunge -. In momenti come quello che stiamo attraversando, rifugiarsi nella liquidità è la scelta più immediata per tutti quegli investitori dal profilo di rischio prudente. Occorre però fare molta attenzione perché le trappole possono essere dietro l’angolo”.

E tra queste trappole ce n’è una che andrebbe davvero presa sul serio, ovvero quella che potrebbe scattare in caso di ritorno dell’inflazione. Dopo essere stata tenuta a bada dalle banche centrali per qualche anno, infatti, l’inflazione si sta rapidamente riprendendo la scena sui mercati e minaccia di erodere nel lungo periodo una parte non indifferente del risparmio detenuto dalle famiglie. L’allarme arriva ufficialmente dagli Usa dove, nel mese di giugno, l'indice dei prezzi al consumo è salito del 5,4% su base annua, ben oltre le attese degli analisti.

Una situazione che al momento sembra limitarsi solamente agli Stati Uniti ma che, come confermato dalla Bce, potrebbe presto estendersi anche all’Europa e all’Italia. Trovando terreno fertile in un contesto in cui il già citato record di depositi deve fare i conti con remunerazioni prossime allo zero. Sempre guardando al report dell’Abi, infatti, in Italia il tasso di interesse dei conti correnti si aggira oggi intorno allo 0,03%, praticamente azzerato. Il tutto senza considerare il 26% di tassazione che lo Stato esige per gli interessi sulla liquidità e i costi in continua crescita presso molti istituti nazionali.


PER APPROFONDIRE: Superbonus, la formula di Banca Generali per «agevolare» i lavori


“In uno scenario come questo, è evidente che tenere tutta la liquidità ferma su conto corrente non solo può portare alla perdita di valore nel lungo periodo, ma anche di tutte quelle opportunità che offrono attualmente i mercati. Di fatto siamo davanti a una forte asimmetria generata dall’immobilizzazione dei risparmi in un momento storico in cui le borse stanno registrando guadagni record, come dimostra il +30% a livello globale da inizio anno – commenta ancora Liguori, che aggiunge -. La soluzione ideale potrebbe essere quella di lasciare parcheggiata una parte di liquidità e di destinarne un’altra a investimenti prudenti, magari progressivi, che consentano di intercettare e sostenere la ripresa economica che si prospetta davanti a noi per i mesi a venire. È questa una strategia in grado di superare anche i rischi dalla volatilità dei listini”.

Dopo un anno e mezzo di pandemia, infatti, anche il mondo del risparmio e degli investimenti ha visto cambiare il proprio ruolo e oggi si propone come un valido alleato per la ripresa economica. Merito di una serie di nuove soluzioni pensate per sostenere il tessuto imprenditoriale delle pmi e la spinta verso quella transizione ecologica che è anche alla base del Pnnr varato dal Governo Draghi.

“Oggi i risparmiatori hanno a disposizione un ventaglio di soluzioni senza precedenti per allargare al massimo le maglie della diversificazione. Si tratta di prodotti e servizi che ovviamente non possono essere gestiti col fai-da-te, ma che richiedono la consulenza di un esperto in grado di guidare le scelte. Non a caso nell’ultimo anno e mezzo le masse gestite dalla nostra rete sul territorio sono cresciute del 16%. Un segnale eloquente di come le famiglie abbiano capito che è ora di superare questa paura e muoversi verso una più efficace strategia di protezione patrimoniale” conclude Liguori.

Articoli Correlati

Un piccolo gesto può regalare un sorriso

Si chiama “Dacci un taglio e regala un sorriso” l’iniziativa che intende promuovere una raccolta di capelli per realizzare parrucche da donare ai pazienti oncologici sottoposti a terapie.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.