avveniredicalabria

La rieducazione attraverso la natura e l'educazione ambientale

Inclusione, quattro minori detenuti in visita al Parco

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Riserva Naturale Valli Cupe, in collaborazione con l’associazione Terra Futura, la cooperativa Segreti Mediterranei e il direttore dell’Istituto Penale per i Minorenni di Catanzaro Francesco Pellegrino, ha accolto quattro ragazzi dell’istituto penitenziario per una visita guidata ai siti naturalistici della Presila catanzarese. Accompagnati dal commissario capo Massimo Carnevale, i ragazzi hanno raggiunto la cascata delle Rupe e la cascata dell’Inferno, assistendo, lungo il percorso, a una lezione sulla flora e sulla fauna dell’area Valli Cupe.

«Ringrazio il dottor Pellegrino che ha permesso la realizzazione di questa giornata dedicata all’educazione ambientale – ha sostenuto il direttore della Riserva Carmine Lupia – in cui la natura si è fatta strumento di promozione sociale. La Riserva offre piena disponibilità per nuove e sinergiche collaborazioni con l’Istituto Penale per i Minorenni di Catanzaro, al fine di contribuire, attraverso buone pratiche ambientalistiche, alla crescita civile e personale dei ragazzi».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.