Avvenire di Calabria

La Chiesa di Locri - Gerace si appresta a vivere un'anno intenso dedicato al culto e alla devozione per la Beata Vergine Maria

Oggi l’Incoronazione della Madonna della Montagna a Polsi

L'Anno Mariano si concluderà il 2 settembre 2023, con un Atto di Affidamento alla Vergine Santissima di tutta la Locride

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L'apertura dell'anno dedicato alla Beata Vergine Maria avverrà oggi, 2 settembre, presso il Santuario di Polsi. Il vescovo Oliva: «È un'opportunità di rinnovamento che si colloca nell'itinerario del nostro cammino sinodale in vista del Giubileo del 2025».

Madonna della Montagna, oggi il vescovo Oliva procederà con l'Incoronazione della Sacra Effige

Il Solenne Atto di incoronazione del Simulacro della Beata Vergine Maria, Madre del Divin Soccorso che avverrà oggi, giorno della Solennità della Beata Vergine della Montagna di Polsi, segnerà l'inizio del Solenne Anno Mariano indetto dal vescovo della diocesi di Locri - Gerace, monsignor Francesco Oliva.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'Anno Mariano si concluderà il 2 settembre 2023, con un Atto di Affidamento alla Vergine Santissima di tutta la Locride: «per il rinnovamento della nostra Chiesa locale e la conversione di quanti operano il male», spiega lo stesso vescovo nel decreto con cui ha indetto l'evento che, nei fatti, è l'inizio dell'itinerario di preparazione spirituale in vista dell'evento di grazia che sarà il Giubileo del 2025.

Nel corso dell'anno mariano, è prevista la Peregrinatio della statua processionale lignea della Madonna della Montagna presso le comunità che ne faranno richiesta, sia dentro che fuori dalla diocesi di Locri - Gerace. L'auspicio del vescovo Oliva è che sia la Peregrinatio che lo stesso Anno Mariano «siano colti come opportunità pastorale per il rinnovamento della pietà mariana e della devozione popolare e come vero e proprio percorso annuale del nostro cammino sinodale».


PER APPROFONDIRE: Diocesi di Locri-Gerace, al via l'anno mariano


L'evento è anche occasione per «coronare un percorso di rinnovamento, purificazione, ripresa del culto e rilancio» dell'antichissimo «luogo sacro» rappresentato dal Santuario di Polsi. Ciò, ancora il vescovo Oliva, al fine di «corroborare l'autentica pietà mariana della nostra gente, nonché vivere un tempo pastoralmente fecondo per purificazione della stessa da quegli elementi folkloristici che talvolta la deturpano e la sviano».

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».