Avvenire di Calabria

Il sociologo, già Garante per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza della Regione Calabria, lancia l'allarme all'opinione pubblica

La denuncia di Marziale: «Rischiano di chiudere i Tribunali per i minorenni»

Un'abolizione «di fatto» secondo quando previsto dal maxi-emenendamento sul quale il Governo Draghi ha posto il voto di fiducia

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La denuncia di Marziale: «Rischiano di chiudere i Tribunali per i minorenni». Il sociologo, già Garante per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza della Regione Calabria, lancia l'allarme all'opinione pubblica. Un'abolizione «di fatto» secondo quando previsto dal maxi-emenendamento sul quale il Governo Draghi ha posto il voto di fiducia in Parlamento.

Tribunale per i minorenni, la denuncia di Marziale

«Inizia oggi alla Camera dei Deputati l’iter per l’approvazione del maxi-emendamento, su cui il Governo ha posto la fiducia per rispettare i tempi dettati dal PNRR, già riscossa al Senato, che istituisce il Tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie ed abolisce di fatto il Tribunale per i minorenni»: è quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori, che si dice: «Fortemente preoccupato per la soppressione di tutto ciò che il Tribunale per i minorenni rappresenta sul piano della percezione culturale e sociale dovuta all’infanzia. Si passa, sostanzialmente, da un luogo in cui intorno al magistrato operano svariati specialisti di più discipline chiamati a relazionarsi con fanciulli e adolescenti, offrendo maggiori garanzie rispetto alle delicatissime decisioni da assumere, ad un giudice monocratico. Tutto ciò è molto pericoloso anche perché coincide con un processo di adultizzazione dell’infanzia mai visto prima d’ora».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Per Marziale: “La riforma della giustizia, anche minorile, dovrebbe essere fatta sulle falle che il sistema ha palesato nel tempo, ragionando sul percorso da intraprendere e non già sull’impeto del contenimento di spesa. Il destino delle persone vale più del bilancio dello Stato”.
“Un esempio di cosa accadrà – precisa il presidente dell’Osservatorio – ci è dato da una recente “informazione provvisoria” della Corte di Cassazione, secondo cui non è reato se un minore di anni 14 acconsente di partecipare con adulti a riprese pornografiche, purché il materiale sia per uso personale. In un Tribunale per i minorenni non sarebbe mai accaduta una cosa del genere”.


PER APPROFONDIRE: Protocollo d’intesa tra Tribunale per i minorenni e cooperativa “Collina del Sole”


“Tra l’altro – continua il sociologo – mi sento di condividere le preoccupazioni del presidente del Tribunale per i minorenni di Catania, Roberto Di Bella, padre del protocollo “Liberi di scegliere”, che fino ad oggi ha consentito ad 80 minorenni di affrancarsi dalla vita dei loro padri, sul contraccolpo che il modello subirà. Madri che si sono affidate allo Stato per mettere in salvo i propri figli dovrebbero di colpo rapportarsi ad altre realtà scevre da una linearità di percorso e spezzettate tra giudici diversi. Per gli addetti ai lavori – conclude Marziale – non è difficile prevedere che questa sia l’anticamera della fine del protocollo. Una responsabilità, quella del legislatore, non da poco”

Articoli Correlati

Agiduemila

Presentato il nuovo calendario di Agiduemila: come averlo

È stato presentato nei giorni scorsi. Può essere un doppio dono di Natale, il Calendario 2022 di Agiduemila. Un’iniziativa che si rinnova in vista del nuovo anno. Scopo sostenere le iniziative dell’associazione che si occupa di disabilità

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.