avveniredicalabria

Dall'8 a l 12 maggio, infatti i cuochi più bravi della regione, tra cui due stelle Michelin, saranno protagonisti di una gara culinaria ''insolita''

«La solidarietà è servita». Venticinque chef col Banco Alimentare

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«La solidarietà è servita». Questo il titolo dell'iniziativa benefica di 25 chef calabresi per il Banco Alimentare della Calabria. Dall'8 a l 12 maggio, infatti i cuochi più bravi della regione, tra cui due stelle Michelin, saranno protagonisti di una gara culinaria "insolita": prepareranno ben settemila pasti stellati che saranno distribuiti dal Banco Alimentare calabrese alle famiglie in difficoltà.

 
Hanno aderito all'iniziativa di solidarietà: Luca Abbruzzino, Riccardo Sculli, Antonio Biafora, Giuseppe Romano, Gaetano Alia, Filippo Cogliandro, Paolo Caridi, Agostino Bilotta, Luigi Vacca, Salvatore Murano, Luigi Longo, Alessio Argento, Luigi Quinteri e Michele Rizzo.
 
Per realizzare questa "sfida" saranno allestite quattro cucine speciali: a Vibo Valentia, gli chef si ritroveranno presso la scuola alberghiera "Enrico Gagliardi"; a Rende presso il ristorante Agorà; a Reggio Calabria presso L'A Gourmet; mentre a Catanzaro presso il ristorante Abbruzzino.
 
A mettere insieme Banco Alimentare e i 25 chef calabresi ci ha pensato Pippo Caffo, patron della Vibonese calcio, ma - soprattutto - "papà" della distilleria più importante d'Italia che produce L'Amaro del Capo. Insomma, eccellenze della tavola al servizio di chi vive un momento di fortissima difficoltà nella Calabria del Covid-19.
 
La condivisione è oggi considerata fattore strategico, valoriale e al tempo stesso funzionale al volontariato, parola identitaria per eccellenza a sostegno della solidarietà. Oggi più che mai la parola  «condivisione», fa riferimento all’inevitabile dimensione della relazione con l’altro, sia nella dinamiche associative che nel rapporto di reciprocità con chi riceve aiuto, ed è per questo motivo che nasce l’idea di condividere con voi attraverso il calcio Calabrese una progettualità sociale concreta ed incisiva a sostegno delle migliaia di famiglie calabresi in un momento di grave crisi economica e sanitaria dovuta all’espandersi della pandemia Coronavirus.
 
«Tutti i ristoratori – si legge in una nota – potranno aderire con una donazione di pasti caldi che verranno distribuiti attraverso l’Associazione Banco Alimentare della Calabria e la loro rete di volontari. Per avere maggiori informazioni scrivi a: pastosolidale@gmail.com indicando il nome del ristorante, la località è il numero di pasti, attraverso il numero di telefono 3468895143 potrai ricevere tutte le info necessarie per partecipare anche tu. L’augurio è che tutti siano incoraggiati a partecipare a questa partita di solidarietà».

Articoli Correlati

Disoccupazione in Calabria, «situazione mortificante»

“È necessaria una presa di coscienza collettiva – afferma Lucia Anita Nucera – per un reale cambiamento rispetto a una tendenza che vede spesso l’immagine, la superficialità, l’impreparazione come modus operandi della politica”.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.