Avvenire di Calabria

Incontro formativo in programma per il prossimo 9 novembre dalle 18.30 presso la sede Agape

Liberi di Scegliere, bilanci e prospettive

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il protocollo "Liberi di Scegliere" avviato dal Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria si propone il recupero sociale dei minori appartenenti a famiglie di 'ndrangheta ed alle donne che vogliono rompere con i clan. La sperimentazione ha finora interessato circa quaranta minori per i quali è stato previsto un progetto personalizzato che ha coinvolto le più importanti organizzazioni che in Italia operano nel campo della legalità e del recupero sociale dei minori a rischio ed in particolare l’associazione Libera. Organismi che si sono fatti carico di tutti quei minori per i quali l’Autorità giudiziaria ha ritenuto opportuno il loro allontanamento dal contesto familiare e sociale ed il loro inserimento in comunità, centri, famiglie affidatarie delle regioni del centro Nord. L’incontro programmato vuole essere un’occasione di socializzazione del lavoro svolto dal Tribunale per i Minorenni, di individuazione delle criticità e dei possibili spazi di miglioramento attraverso il coinvolgimento delle agenzie educative del territorio reggino. I partecipanti al laboratorio saranno espressione di questi mondi ai quali sarà richiesto un contributo di idee e di proposte a partire dal loro vissuto esperienziali. soprattutto su alcuni spazi che il protocollo Liberi di scegliere ha previsto per il mondo della scuola, dell’associazionismo educativo e della cooperazione sui temi del sostegno e dell’accompagnamento del minore all’interno della sua famiglia di origine.

Su questo tema si terrà un incontro formativo promosso dal Centro Comunitario Agape e dalla Camera minorile di Reggio Calabria, il prossimo 9 novembre dalle 18.30 presso la sede di via Pellicano, a cui parteciperanno Giuseppe Marino della Camera Minorile reggina e Giuseppina Latella, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria.

 

Articoli Correlati

L’ex rampollo di ‘ndrangheta, ora, vuole salvare sua figlia

La storia di Emanuele Mancuso, figlio del boss Pantaleone, che è diventanto uno dei più importanti collaboratori di giustizia. La figlia, però, le è stata tolta: la compagna dell’uomo, in contrasto con la sua decisione di pentersi, è rimasta ancora ai Mancuso e la figlia vive con lei. Le sue parole: «In quasi tre anni ho visto mia figlia poche volte», sempre in località terze e protette rispetto anche alla mamma.

Alleanze Educative saluta il presidente Di Bella

Dopo il saluto di Paolo Cicciù coordinerà la diretta Mimmo Nasone di Libera. Il presidente Di Bella nell’aderire all’iniziativa ha affermato: «La rete di alleanze educative deve continuare a sensibilizzare soprattutto gli studenti»

Ancora una volta liberi di scegliere grazie all’8xmille

L e buone prassi continuano. Era l’auspicio di Roberto Di Bella ed è divenuto realtà. Il protocollo Liberi di scegliere è stato rinnovato per i prossimi tre anni con la firma al Miur. Il progetto, dunque, continuerà a garantire una concreta alternativa di vita ai minori provenienti da famiglie inserite in contesti di criminalità organizzata.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.