Avvenire di Calabria

Ha portato nella Locride lo spirito di don Bosco tra i tanti ragazzi incontrati durante il cammino

Locri piange il sacerdote salesiano don Sergio Chistè

Tra le varie opere anche la fondazione di una chiesa a Gerace, quella nella frazione di Merici

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il sacerdote salesiano don Sergio Chistè è tornato alla casa del Padre. Ha portato nella Locride lo spirito di don Bosco tra i tanti ragazzi incontrati durante il cammino.

Don Sergio Chistè

Nel giorno di Tutti i Santi, giunge la notizia del ritorno alla casa del Padre di don Sergio Chistè. Figlio di don Bosco, don Sergio ha portato avanti con entusiasmo e generosità la missione di pastore e fratello della gente della Locride. Ha soprattutto fatto suo il progetto pastorale che portò i Salesiani di don Bosco a Locri e ne divenne l’interprete più fedele, dando continuità alla missione salesiana in questa diocesi e nella città di Locri in particolare.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, sottolinea che «il suo ministero è stato molteplice, solerte, preparato, ricco e fecondo, mai improvvisato, sempre frutto di riflessione acuta e di profonda preghiera. È stato innanzitutto un uomo e un presbitero dell’ascolto; dell’ascolto del territorio, della società locridea, della sua complessità e delle sue peculiarità, grazie all’ascolto delle persone, nella confessione e nella preziosissima attività di direzione spirituale di laici, presbiteri e religiose. A queste due attività, è stato costantemente fedele fino a quando la sua solute glielo ha consentito».

La biografia

Don Sergio, nato a Madruzzo (TN) il 3 luglio del 1924 e ordinato presbitero a Torino il 2 luglio del 1951, si è speso in prima persona per fondare e organizzare, sistematicamente e sapientemente, l’opera catechetica in diocesi, continuando a collaborare anche con i diversi sacerdoti nell’ufficio catechistico e contribuendo significativamente alla svolta della catechesi in stile catecumenale fino alla progettazione e stesura del Cammino Emmaus. Ha speso le sue migliori energie nella Scuola diocesana per i ministeri istituiti e il diaconato permanente e l’Istituto superiore di Scienze religiose. All’edificazione delle pietre vive aggiunse anche l’edificazione materiale fondando la chiesa di Merici, nel territorio comunale di Gerace.


PER APPROFONDIRE: Don Bosco, Salesiani: «Fratellanza spalanca il cuore dei giovani»


Monsignor Oliva ha aggiunto, inoltre: “La sua scomparsa ci porta a rendere grazie al Signore per questo sacerdote salesiano di lungo corso e per la benemerita opera pastorale, specie tra i giovani e nelle attività oratoriali, che la famiglia Salesiana svolge da anni in questa terra, come scelta missionaria di impegno nella formazione e nella crescita umana e spirituale della popolazione della Locride”.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».