Avvenire di Calabria

Lucano può tornare a Riace, revocato il divieto di dimora

La decisione del Tribunale di Locri in accoglimento delle richieste difensive consente all'ex sindaco di poter riabbracciare l'anziano padre

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Revocato il divieto di dimora all'ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano. La decisione del Tribunale di Locri, giunta pochi minuti fa, pone fine al lungo esilio cui Lucano era stato costretto dopo l'emissione del provvedimento cautelare nell'ambito dell'inchiesta che ha portato al processo in corso davanti ai giudici di Locri. Lucano, infatti, deve rispondere delle accuse di aver favorito l'immigrazione clandestina, nonché del metodo di affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti e della gestione dei migranti presenti. 

Dopo lungo tempo, dunque, l'ex sindaco potrà tornare nuovamente a Riace, dopo il tanto tempo trascorso a Caulonia. Si pone fine, così, anche alla querelle concernente la possibilità per Lucano di riabbracciare l'anziano padre. 

Articoli Correlati

Accoglienza, «Il modello Riace non era criminale»

Importante sentenza in appello nel processo che vedeva alla sbarra l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano e il “suo” modello d’accoglienza. La procura generale aveva chiesto 10 anni di reclusione.

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.