Avvenire di Calabria

I fatti contestati risalgono, però, a quando ricopriva il ruolo di dirigente regionale

Mandamento, c’è anche l’assessore Barbalace tra gli indagati

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C'è anche il nome di Carmen Barbalace, attuale assessore alle Attività Produttive della Regione Calabria, nell'elenco dei 291 indagati della maxi-inchiesta “Mandamento” che ha decapitato i vertici delle 'ndrine della Locride. La Barbalace è stata nominata come assessore esterno dal Governatore Mario Oliverio nell'estate del 2015: un ruolo tecnico, il suo, portato avanti tra gli uffici del Dipartimento regionale "Agricoltura e risorse agroalimentari" di cui era la dirigente. Oggi è accusata di abuso di ufficio in concorso con altri e truffa aggravata per il conseguimento delle erogazioni pubbliche riferibili al Fondo Europeo Agricolo di Garanzia e al Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale. In sintesi finanziamenti provenienti dalla Comunità Europea e che sarebbero finiti nelle tasche di aziende legate con i clan.

Un'attività illecita che – secondo gli inquirenti della Dda che hanno firmato il decreto di fermo indirizzato a 116 soggetti – sarebbe stata fatta coscientemente, ossia sapendo di favorire le 'ndrine.

I fatti contestati risalgono al 2010 e sono da inquadrare nel ricorso presentato dalla azienda agricola di Rosanna Romano. Fu la Barbalace assieme ad altri due funzionari pubblici ad esaminare l'istanza ed a convalidarla nonostante la Romano non avesse i requisiti richiesti. Un contributo di cento ottantamila euro indebitamente percepito.

Secondo gli inquirenti, però, Rosanna Romano era la propaggine “pulita” di Michele Varacalli considerato dal pool antimafia di Reggio Calabria come uno dei capi della Corona, organismo di vertice della 'ndrangheta della Locride.

Un sistema corroborato che, secondo le carte dell'inchiesta, faceva ottenere vantaggi consistenti con laute “mazzette” distribuite dai clan ai consulenti della Regione Calabria, come nella fattispecie si evince dal ruolo dell'agronomo Pasquale Perri, considerato uomo dei Barbaro di Platì.

Articoli Correlati

Irto

Irto stoppa la “conta” nel Pd: «Ripartire dai circoli»

Mattatore di voti, parafulmine per il centrosinistra. Due facce della stessa medaglia per Nicola Irto, ancora una volta unico eletto tra le fila del Pd reggino. E si tira fuori dai problemi comunali: «Rimpasto di giunta? Non so nulla»

Arruzzolo

Arruzzolo sogna il bis a Palazzo Campanella

Il maggiorente di Forza Italia è il primo degli eletti a Reggio. Ritorna in Consiglio regionale e spera di sedere nello scranno più alto. Sarà confermato? Adesso attende le scelte del governatore.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.