Avvenire di Calabria

Gli operatori della Caritas Diocesana accanto alle prostitute

Notte d’inverno: l’incontro sulla strada

Sul numero del settimanale in uscita domenica 8 gennaio sarà possibile saperne di più

Gaetana Covelli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Italia, negli ultimi anni, il fenomeno della prostituzione è aumentato notevolmente ed ha subito una serie di trasformazioni. Sul territorio di Reggio Calabria è attiva una rete di Unità Mobili, coordinate dalla Caritas diocesana, che settimanalmente si muove con discrezione nei luoghi noti, dove si consuma il sesso ad ore, dove donne giovani - di cui tante minorenni - si prostituiscono nelle strade e negli appartamenti della città. Le “Unità di strada” hanno la finalità di informare, orientare, ma soprattutto di offrire un sostegno mirato e un ascolto attento per dare sollievo a quelle donne, identificate come meretrici dai più, quando invece, non sono altro che vittime della tratta e del riciclaggio di denaro sporco. Il lavoro degli operatori diocesani della Caritas e dell’Associazione Giovanni XXIII definisce nuove strategie e metodologie; cerca d’intercettare il fenomeno anche in luoghi, dove la prostituzione è più nascosta ed invisibile, costruendo una fitta rete di collaborazione con i servizi del territorio. È il primo giorno d’inverno, sembra una sera come tante altre, ma non lo è. Barbara (nome di fantasia) viene avvicinata dagli operatori della Caritas, nei suoi occhi tanta paura e insieme speranza; la ragazza - si percepisce - è tenuta sotto controllo, il telefono in mano e gli occhi puntati verso un’auto poco distante dal punto in cui si trova. I “padroni” sono in agguato, ispezionano, verificano. Fa freddo; Barbara e la sua amica nigeriana si scaldano davanti ad un flebile focherello alimentato da sterpaglie, plastica e materiale di ogni genere, mentre tentano di raccontare agli operatori l’esperienza vissuta la sera precedente. “Sai, ieri i carabinieri mi hanno fermata mentre ero in macchina con un cliente – dice Barbara – io mi sono sentita chiamare p… e l’uomo accanto a me ha subito una sanzione di 500 euro; ma quello che più mi ha rattristata è stata la preoccupazione di un uomo spietato, preoccupato del fatto che le forze dell’ordine potessero avvertire la moglie a casa”.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.