Avvenire di Calabria

In occasione della solennità dell'Epifania del Signore, Bergoglio propone una riflessione partendo dalla figura dei tre Re Magi

Oggi la Chiesa celebra l’Epifania del Signore, il messaggio del Papa

La riflessione del pontefice: «Oggi siamo chiamati a percorrere nuove strade come ci suggerisce lo Spirito Santo»

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Chiesa celebra oggi l'Epifania del Signore. È il giorno in cui si è manifestato al mondo tramite la testimonianza di tre personaggio, giunti da lontano alla grotta di Betlemme. I re Magi. Proprio prendendo spunto dal loro viaggio, papa Francesco nel corso della sua omelia nella Messa per la solennità dell'Epifania del Signore, propone una riflessione.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Papa Francesco, partendo proprio dai magi, ci svela il "segreto della vita", in una società in cui «ancora oggi, tanti Erode seminano morte e fanno strage di poveri e innocenti, nell'indifferenza di molti».

Epifania del Signore, i magi esempio di sinodalità

«Saper desiderare», paradossalmente, è la parola chiave nella riflessione del pontefice. Non, però, in ottica consumistica, ma come superamento dell'indifferenza, come invito «a guardare oltre». La crisi della fede, dice Francesco, «nella nostra vita e nelle nostre società ha a che fare con la scomparsa del desiderio di Dio». I magi, dunque, ci insegnano che «bisogna sempre ripartire ogni giorno, nella vita come nella fede. Perché la fede non è un’armatura che ingessa, ma un viaggio affascinante; un movimento continuo e inquieto, sempre alla ricerca di Dio».


PER APPROFONDIRE: Reggio-Bova, oggi in Cattedrale l’Epifania dei popoli


I magi, infine, spiega il Papa, ritornano «per un’altra strada»; cioè «ci provocano a percorrere strade nuove». È la creatività dello Spirito, che fa sempre cose nuove». In questo momento, ha ricordato inoltre Bergoglio, «è anche uno dei compiti del Sinodo: camminare insieme in ascolto, perché lo Spirito ci suggerisca vie nuove; strade per portare il Vangelo al cuore di chi è indifferente, lontano, di chi ha perduto la speranza ma cerca quello che i magi trovarono, una gioia grandissima. Uscire oltre, andare avanti».

(Foto Sir)

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»