Avvenire di Calabria

Torna il rapporto sugli strumenti digitali del settimanale diocesano di Reggio Calabria-Bova

Oltre due milioni di visite per il sito de L’Avvenire di Calabria

Nel 2020, gli utenti aumentano del 161,58% e i collegamenti arrivano da tutto il mondo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora un anno di crescita per gli strumenti digitali de L'Avvenire di Calabria. Il sito del settimanale diocesano - avveniredicalabria.it - , ormai stabilmente presente nelle bacheche degli utenti social, rispetto al 2019 segna un aumento degli utenti del 161,58% di cui i «nuovi utenti» sono incrementati del 156,67%.

I numeri. Nel 2020 sono state visitate 2.026.446 pagine, un dato aumentato del 122,51% rispetto all'anno precedente; mentre il numero di sessioni è stato di 1.153.827, un dato cresciuto del 138,32% rispetto all'anno precedente. 

I lettori. Il 95,86% delle visite è arrivato dall'Italia. Poi Stati Uniti, Germania, Svizzera, Francia, Inghilterra, Russia, Olanda e Spagna. Le città italiane dalle quali provengono il maggior numero di visite sono: Milano, Roma, Firenze, Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Catania e Napoli. I dispositivi utilizzati per consultare il sito de L'Avvenire di Calabria sono stati prevalentemente gli smartphone (83,70%), poi i Pc Desktop (11,04%), e infine i tablet (5,26%).

Le storie. I picchi delle visite su avveniredicalabria.it hanno riguardato: la morte di don Giacchino Basile, l'emergenza Covid-19 e le celebrazioni della Festa della Madonna della Consolazione. I tre articoli più visitati sono stati: 

Il coraggio, le scelte, la fede: la lezione di Zanardi - 21.380 visitatori unici

Reggio: elezioni, pomi d’ottone e manici di scopa - 17.563 visitatori unici 

Caso Palamara, forse alla politica questo disordine conviene... - 10.835 visitatori unici

 

Articoli Correlati

don Paolo Busto

Giornalismo, si è spento oggi don Paolo Busto

Il giornalismo cattolico perde una delle sue firme più prestigiose: oggi è morto don Paolo Busto. Per 40 anni ha diretto La Vita Casalese e per 13 alla guida de La Grande Famiglia.