Avvenire di Calabria

Impegno e lotta alla criminalità

“Pacchero d’argento”, premio anche per il vescovo Savino

L’evento si terrà il prossimo 7 settembre a Paola

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da Agenzia Sir

C’è anche monsignor Francesco Savino, vescovo di Cassano all’Jonio, tra le persone che quest’anno verranno premiate con il “Pacchero d’argento”. Il riconoscimento, giunto all’ottava edizione, è stato ideato da Salvatore Magarò, presidente dell’associazione culturale «Più di cento – tana per la legalità» e viene assegnato a persone impegnate nell’affermazione dei diritti e nel contrasto alla illegalità e alla criminalità organizzata.

Mons. Savino riceverà il riconoscimento per essersi «apertamente e nettamente schierato contro la ‘ndrangheta e i simbolismi religiosi di cui le cosche si sono nutrite nell’area della diocesi, alla ricerca del consenso popolare». «Inchinarsi al potere mafioso rende schiavi e uccide la speranza» – ha dichiarato recentemente mons. Savino, come ricorda una nota degli organizzatori – chiedendo alle famiglie un sussulto di umanità e di conversione sincera alla fede.

L’evento “Un pacchero alla ‘ndrangheta” si terrà il prossimo 7 settembre, alle ore 20.30, a Paola (Cosenza). L’iniziativa prese il via nel 2010, all’indomani della nomina di Salvatore Magarò a presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta ed è proseguita anche oltre il termine della legislatura.

Articoli Correlati

Aborto senza ricovero, Savino: «Dittatura tecno-scientifica»

Il ministro della salute Roberto Speranza firma le nuove direttive sull’utilizzo della pillola abortiva Ru486: aborto chimico senza bisogno di ricovero e alle 7 settimane di gestazione. Una decisione che sta facendo scalpore e divide gli animi di cittadini e regioni. In merito alla nuova decisione si pronuncia anche il vescovo di Cassano, monsignor Francesco Savino: «Ribadisco il mio no alla pena di morte, e auspico affinchè le donne non vengano lasciate sole»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.