Avvenire di Calabria

Le parole di Nunzia Ciardi, direttore del Servizio polizia postale e delle comunicazioni, riportate sul sito istituzionale: "+ 213% minori autori di reati"

Pedofilia, polizia postale: aumento dei reati online contro i minori

Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel giorno in cui si celebra Giornata nazionale della lotta alla pedofilia, il servizio Polizia postale e delle comunicazioni traccia un resoconto dell’attività sino ad ora svolta, caratterizzato nell’ultimo anno e mezzo anche dalla pandemia di coronavirus Covid-19 che ha modificato le abitudini in maniera di nuove tecnologie, anche per quanto riguarda bambini e ragazzi che grazie a queste hanno potuto seguire le attività scolastiche e curare i rapporti con gli amici a distanza.

«Il bilancio che possiamo fare oggi non è purtroppo positivo: bambini sempre più piccoli sono vittime di varie forme di aggressione online tra cui l’adescamento su socialnetwork e app di gioco, adolescenti sempre più giovani si macchiano di reati di pedopornografia di solito imputati ad adulti, nessuna retrocessione del cyberbullismo e delle violenze online», le parole di Nunzia Ciardi, direttore del Servizio polizia postale e delle comunicazioni, riportate sul sito istituzionale nel quale viene spiegato come nel 2020 ci sia stato un incremento del 77% di reati online in danno di bambini e ragazzi: pedopornografia, adescamento online e cyberbullismo ma anche estorsioni sessuali, revenge porn e truffe sono tra i tipi di aggressioni rivolte ai più piccoli in rete. Nel periodo del Covid-19 i casi di pedopornografia trattati dai poliziotti sono stati il 132% in più rispetto al periodo precedente e gli indagati sono aumentati del 90%. Anche il cyberbullismo, per noia, isolamento sociale, monotonia, registra un incremento del 96% coinvolgendo bambini sempre più piccoli. Nei primi mesi del 2021 sono 77 le denunce che riguardano bambini sotto i 13 anni, contro i 34 casi del primo quadrimestre del 2020. Un approccio sempre più precoce e massiccio alle nuove tecnologie, ai social, alla messaggistica ha fatto sì che aumentasse anche il numero di minori autori di reati online, con un incremento del 213%. Nel 91% dei casi sono maschi, accusati perlopiù di diffondere in rete immagini sessuali di ex fidanzate o immagini di abusi sessuali o insulti nei confronti di compagni o conoscenti.

(M.C.) Agensir

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.