Avvenire di Calabria

Venti avvisi di garanzia sono stati notificati ad altrettante persone che risultano indagate nell'ambito di un'inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro

Politica e appalti, indagati Oliverio e Occhiuto

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un nuovo terremoto giudiziario si sta abbattendo sulla politica calabrese. Venti avvisi di garanzia sono stati notificati dagli uomini di Guardia di Finanza e Carabinieri a venti persone, fra cui esponenti politici di primo piano della politica regionale, che risultano indagate nell'ambito di un'inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro sulla gestione di appalti pubblici in Calabria. Al centro dell'inchiesta alcuni investimenti nella città di Cosenza ed in particolare quelli legati alla costruzione del nuovo ospedale, della metropolitana di superficie e del museo di Alarico. Fra gli indagati il presidente della Regione, Mario Oliverio, il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, Nicola Adamo, ex consigliere regionale e vice presidente della Giunta, entrambi del Pd, e Luca Morrone, figlio del consigliere regionale Ennio Morrone.

La procura catanzarese ipotizza l'esistenza di un'associazione per delinquere i cui appartenenti si sarebbero resi responsabili, a vario titolo, di delitti contro la pubblica amministrazione. Fra i reati ipotizzati, turbata liberta' degli incanti, corruzione propria aggravata, traffico di influenze illecite, abuso in atti d'ufficio, frode nelle pubbliche forniture. Nell'elenco non figura, diversamente da quanto si era appreso in un primo momento, la deputata del Pd Enza Bruno Bossio. Diversi i reati formulati a vario titolo. I destinatari degli avvisi di garanzia, i notificati da Guardia di Finanza e Carabinieri, sono Mario Oliverio, 66 anni, presidente della Regione Calabria; Nicola Adamo, 62 anni, ex consigliere regionale; Luigi Incarnato, 64 anni, commissario della Sorical, la societa' di gestione delle risorse idriche regionali; Mario Occhiuto, 55 anni, sindaco di Cosenza; Luca Morrone, 41 anni; Luigi Giuseppe Zinno, 65 anni; Giuseppe Lo Feudo, 64 anni; Pietro Ventura, 53 anni, Rocco Borgia, di 75 anni; Antonio Capristo di 60 anni; Giuseppe Trifiro', 58 anni; Tito Nulli Berti di 63 anni; Santo Marazzita di 56; Pasquale Gidaro di 52; Arturo Veltri, di 37 anni; Giulio Marchi di 69 anni; Armando Latini 65 anni; Giovanni Forciniti di 55; Fortunato Varone di 42; Eugenia Montilla, di 56 anni.

Articoli Correlati

secondo tempo falcomatà

Un anno dopo. Partecipa alla nostra indagine su Falcomatà

Dieci domande ai cittadini per capire come i reggini analizzano l’attuale conduzione politico-amministrativa della Città. Il «secondo tempo» dell’amministrazione comunale, guidata da Giuseppe Falcomatà, è iniziato da più di un anno. Ma come sta andando?

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.