Avvenire di Calabria

Povertà: Russo (Alleanza), “la fragilità sociale non può essere affrontata con un approccio episodico e categoriale, servono misure strutturali”

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


“La povertà assoluta in Italia è aumentata in modo consistente, nonostante le misure di sostegno al reddito: cosa accadrà, ora che la platea dei beneficiari è stata drasticamente ridotta?”: lo domanda Alleanza contro la povertà, commentando i dati Istat presentati ieri, relativi all’anno 2022. “Dati che ci preoccupano, ma con ancora maggiore preoccupazione pensiamo a quelli relativi al 2023, che in previsione non saranno certamente meno critici – spiega Antonio Russo, portavoce nazionale di Alleanza contro la povertà -. Lo sappiamo, perché da un lato inflazione e guerre continueranno a colpire soprattutto i meno abbienti, dall’altro la platea dei beneficiari di misure di sostegno al reddito si sta riducendo drasticamente, con oltre 160mila persone lasciate fuori già da agosto 2023”.

“La povertà viene affrontata con misure spot e bonus, di cui Istat sottolinea l’importanza nel ridurre l’incidenza della povertà. Ma sono misure temporanee, mentre per combattere un fenomeno strutturale come la povertà, servono misure altrettanto strutturali. Non possiamo limitarci a commentare i fenomeni quando sono già avvenuti: dobbiamo governarli attraverso le politiche – continua Russo -. Invece, oggi siamo di fronte a politiche di contrasto alla povertà che non affrontano la questione alla radice, ma anzi smantellano il principio su cui queste misure dovrebbero basarsi, che è quello dell’universalità selettiva. Con le nuove misure di contrasto introdotte dalla legge 85/2023, i poveri vengono divisi in occupabili e non occupabili”. Anche in questa occasione, conclude il portavoce nazionale, “ribadiamo che la fragilità sociale non può essere affrontata con un approccio episodico e categoriale”.

Fonte: Agensir

Articoli Correlati

Diocesi: Bologna, lunedì inaugurazione della mostra sull’arcivescovo Enrico Manfredini

È in programma per il pomeriggio di lunedì 4 dicembre, a Bologna, l’inaugurazione della mostra “Per cui questo mondo diventa diverso. L’amicizia con Cristo. Enrico Manfredini Vescovo di Bologna” proposta dal Centro culturale “Enrico Manfredini” nel 40º anniversario della morte dell’arcivescovo, avvenuta nel dicembre 1983 dopo soli 9 mesi dalla nomina. Lunedì, alle 16 nella […]

The post Diocesi: Bologna, lunedì inaugurazione della mostra sull’arcivescovo Enrico Manfredini first appeared on AgenSIR.

Avvento: mons. La Placa (Ragusa), “Ora è tempo di gioia”. “Rimettere lo sguardo sull’essenziale”

S’intitola “Ora è tempo di gioia” il messaggio per l’Avvento che il vescovo di Ragusa monsignor Giuseppe La Placa indirizza alla diocesi e che domani sarà distribuito nelle chiese. “L’Avvento – spiega il vescovo – è il tempo della gioia perché è il tempo dell’attesa dell’evento più lieto della storia: la nascita del Figlio di […]

The post Avvento: mons. La Placa (Ragusa), “Ora è tempo di gioia”. “Rimettere lo sguardo sull’essenziale” first appeared on AgenSIR.

Giornali Fisc: Torino, lunedì il card. Artime alla Consolata per l’incontro “Giovani oggi, la grande sfida educativa” promosso da “La Voce e Il Tempo”

Sarà il card. Ángel Fernández Artime, rettore maggiore dei Salesiani, a chiedere il ciclo di incontri pubblici “La Consolata in dialogo con Torino” organizzati al santuario della Consolata a cura del settimanale diocesano torinese “La Voce e Il Tempo”. Lunedì 4 dicembre, alle 21, il porporato parlerà di “Giovani oggi, la grande sfida educativa”. L’appuntamento […]

The post Giornali Fisc: Torino, lunedì il card. Artime alla Consolata per l’incontro “Giovani oggi, la grande sfida educativa” promosso da “La Voce e Il Tempo” first appeared on AgenSIR.

Tags: