Avvenire di Calabria

Il ricordo di un (ex) diocettenne che, nel 1980, viveva la sua prima esperienza

Racconti dal Soggiorno Sociale: don Nino Pangallo

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nell’ufficio della Caritas diocesana c’è anche il direttore, don Nino Pangallo, che ascoltando i ricordi di Alfonso tira fuori dall’archivio un cimelio. È l’agosto 1980: un diciottenne della Fuci ha appena compilato il suo questionario “di gradimento” dell’esperienza a Cucullaro. Quel giovane di quinto superiore è proprio don Nino: «Incontrare la gente dell’ospedale psichiatrico, far loro la doccia, è un’esperienza che ti smuove dentro». Un principio educativo molto forte: «È una strada di umanizzazione ed evangelizzazione», spiega don Pangallo, «quello stesso anno con me venne un coetaneo al Soggiorno e oggi è diventato un validissimo magistrato». La riscoperta di sé stessa partendo dalla conoscenza delle “povertà”: «Accade nella nostra Città di dover celebrare funerali di persone trovate in casa ben quattro giorni dopo la loro morte – confida – cosa vuol dire questo? Che c’è indifferenza e solitudine». A loro è dedicata la “vacanza” di Cucullaro.


Qui trovi la versione integrale: http://ow.ly/oLJp30dbjWb

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.