Avvenire di Calabria

L'iniziativa ha visto il coinvolgimento di diverse realtà

Recupero scalinata di via Giudecca, il plauso di Fare Verde

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Gruppo reggino di Fare Verde plaude all’iniziativa svolta dai nostri concittadini che, in modo autonomo e con grande spirito di sacrificio, senza bandiere e colore politico, sono riusciti a restituire alla cittadinanza la storica Scalinata di Via Giudecca. I lavori di pulizia e di recupero hanno permesso di sottrarre al degrado una zona a due passi dal Corso Garibaldi in pieno centro. Doveva essere uno dei cantieri più importanti della città ed invece era diventato un luogo simbolo di incuria ed abbandono.

Alcuni volontari di Fare Verde hanno dato il proprio contributo, partecipando alle attività previste in forma individuale, nel rispetto dello spirito che ha animato un impegno diffuso e condiviso non soltanto dai residenti. In queste settimane, infatti, tanti reggini, provenienti da tutta la città, hanno preso parte concretamente alle varie fasi che hanno reso possibile un vero miracolo di  partecipazione attiva e responsabile in applicazione del principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 118 della Costituzione. È espressamente previsto, difatti, che <<Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà>>.

Cittadini comuni, pertanto, hanno ritenuto doveroso agire in sostituzione dell’Ente comunale che si è rivelato inadeguato e inefficace rispetto alla delicata funzione di tutela e valorizzazione patrimoniale e ambientale, al netto di qualsiasi forma di propaganda. Ci auspichiamo, tuttavia, che, a fronte del conseguente risparmio economico di cui un’Amministrazione può beneficiare quando sono i cittadini a intervenire sul territorio, colmando lacune amministrative e gravi disservizi, si possa finalmente discutere di una riduzione della pressione fiscale e del miglioramento e potenziamento di altri servizi. Sarebbe questo un ottimo segnale nonché l’idoneo ed equo riconoscimento rispetto ad attività, in questo caso di recupero e riqualificazione, effettuate direttamente dai cittadini.

Il gruppo reggino di Fare Verde continuerà ad elogiare iniziative libere ed autonome animate da chi, amando la propria città, non accetta di vederla ridotta in condizioni deprecabili e, piuttosto, che perdersi in critiche sterili, decide di lavorare e sporcarsi le mani. Nei prossimi giorni, pertanto, doneremo alcune piantine da interrare in appositi spazi presso la Scalinata e ne assumeremo la cura futura.

Articoli Correlati

Fare Verde, «donate il sangue in onore dei nostri avi»

L’inizio di una lunga collaborazione con la sezione locale dell’Adspem. Con lo slogan “Loro lo hanno versato, noi lo doniamo”, in occasione del 102° anniversario dalla fine della Grande Guerra, ha avuto avvio su tutto il territorio nazionale la Campagna

Il presidente nazionale di Fare Verde in visita in Aspromonte

L’escursione avrà inizio a Gambarie, quindi attraverserà il bosco dei Terreni Rossi, le cascate Tre limiti, fino all’ex Base USAF di Nardello. Poi alla volta di Piazza Nino Martino e località Serro Juncari. Il viaggio si concluderà a Montalto

Fare Verde torna a Reggio Calabria

Oggi, a partire dalle 18.30, la diretta Facebook di “Stanza 101” con il presidente nazionale Francesco Greco, per celebrare la nascita del nuovo direttivo ed ufficializzare la sezione reggina. Il referente provinciale sarà il giornalista Antonio Virduci

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.