Avvenire di Calabria

I dati dell'ultimo rapporto della Camera di commercio relativi ai flussi commerciali con l'estero dal territorio metropolitano

Reggio Calabria, cresce l’export e la fiducia delle imprese

Il presidente Tramonata: «È un segnale di dinamismo e della capacità delle nostre realtà produttive di reazione al perdurare della crisi»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel primo semestre 2022 è cresciuto l'export delle imprese della Città metropolitana di Reggio Calabria. È quanto emerge dai dati relativi ai flussi commerciali con l’estero pubblicati dalla Camera di Commercio reggina.

Export a Reggio Calabria, tutti i numeri delle imprese

Nel corso del secondo trimestre 2022 si registra un andamento in crescita rispetto al trimestre precedente dell’interscambio commerciale reggino. I beni esportati dalla Città metropolitana di Reggio Calabria, infatti, assumono sul finire del II trimestre 2022, un valore pari a 91,9 milioni di euro (il 49,5% del valore esportato dalla regione), mentre le importazioni, pari a 92,4 milioni di euro, rappresentano il 33,9% delle importazioni della Calabria. Ciò determina un saldo di bilancia commerciale sostanzialmente in equilibrio, pari a -0,5 milioni di euro.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Rispetto al I trimestre 2022 le esportazioni reggine aumentano del +21,5%, performance superiore sia all’intera Calabria (+8,3%) sia a livello nazionale (+11,5%).

Anche per quanto riguarda le importazioni si registrano variazioni di segno positivo: il valore dei beni importati aumenta del +20,3% a livello provinciale, del +1,9% a livello regionale e del +10,3% a livello nazionale. Rispetto al II trimestre 2021, il valore delle esportazioni della Città Metropolitana aumenta del +5,3%, del +17,2,% a livello regionale e del +22,2% a livello nazionale. Al contempo, il ricorso all’import aumenta del +42,9%, più che a livello regionale (+24,6%) e in linea a livello nazionale (+45,8%). Le esportazioni e le importazioni reggine sono in aumento nel I semestre 2022 rispetto allo stesso semestre del 2021 del 24% e del 53,2% rispettivamente.

Cresce l'export a Reggio Calabria, fiducioso il presidente della Camera di commercio

«L’andamento positivo dei flussi commerciali con l’estero rappresenta un’iniezione di fiducia per l’economia reggina». Afferma Antonino Tramontana, presidente della Camera di commercio di Reggio Calabria.

Questo dato, aggiunge, «è il segnale del dinamismo delle nostre imprese e della loro capacità di reazione di fronte al perdurare della crisi. Il nostro impegno a favore di queste imprese continuerà nel percorso ormai consolidato del sostegno economico attraverso il Bando Internazionalizzazione, dell’assistenza e della formazione, dell’accompagnamento sui mercati esteri, della promozione attraverso la Vetrina delle imprese esportatrici della Città Metropolitana di Reggio Calabria».

I settori maggiormente floridi

Con riferimento al II trimestre 2022, le vendite oltreconfine della Città metropolitana di Reggio Calabria riguardano principalmente tre settori: il settore della chimica (53,9 milioni di euro, pari al 58,6% dell’export locale); il settore alimentare (27,1 milioni di euro di beni venduti all’estero, il 29,5%) e il settore della gomma, plastica (3 milioni di euro, il 3,3%). Meno significativo l’apporto alle vendite oltreconfine fornito da settori come l’agricoltura e il legno (rispettivamente 2,2 e 1,3 milioni di euro).


PER APPROFONDIRE: Princi: «La Regione Calabria investe tre milioni sulla Cultura»


Il principale paese di sbocco per l’export reggino sono gli Stati Uniti, cui sono destinati beni e servizi per un valore pari a 11,3 milioni di euro (il 12,3% del valore complessivamente esportato). A seguire troviamo le quote export relative al mercato giapponese (7,8 milioni di euro, pari al 8,5% del totale), francese (7,6 milioni di euro, l’8,3%) e olandese (6,1 milioni di euro, il 6,7%). Rilevanti anche le quote export indirizzate verso la Germania (5,8 milioni di euro, pari al 6,3%) e l’Arabia Saudita (4,7 milioni di euro, pari al 5,1%).

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»