Avvenire di Calabria

Coinvolti giovani e adulti dei gruppi e movimenti laicali diocesani, il programma dell'appuntamento di dopodomani

Reggio Calabria, sabato la Veglia diocesana di Pentecoste al Waterfront

Lo slogan scelto è quello della Gmg di Lisbona: «Maria si alzò e andò di fretta». Richiama al rinnovato impegno per il bene comune

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È tutto pronto per la Veglia diocesana di Pentecoste in programma sabato prossimo, 27 maggio, a Reggio Calabria. Al centro della preghiera e della riflessione diverse tematiche: dalla promozione di stili sostenibili, al fare comunità attraverso relazioni più autentiche, fino all'impegno politico per la realizzazione del bene comune.

Si parte dal tema scelto che richiama lo slogan della Gmg di Lisbona: «Maria si alzò e andò di fretta». Un tema non casuale che accompagnerà, sabato 27 maggio, la veglia di Pentecoste dell’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, organizzata con il coinvolgimento dell’ufficio liturgico diocesano, il servizio diocesano di Pastorale giovanile e i gruppi laicali della Consulta diocesana.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L’appuntamento è alle 20 presso la scalinata del Waterfront. Anche quest’anno la Veglia diocesana di Pentecoste manterrà la sua formula sinodale “in uscita” e diventa un’invocazione allo Spirito perché sostenga la comunità nel “rialzarsi” nella vita individuale e sociale. Per seguire la veglia puoi scaricare il libretto da qui.

La veglia diocesana avrà, infatti, un momento intergenerazionale, con tre punti di confronto tra giovani e adulti, per confluire poi alla scalinata del Waterfront. I tre punti, con rispettivi temi oggetto di riflessione, si svolgeranno in tre piazze, animate da gruppi laicali: il piazzale della Pineta “Zerbi” (tematica ambientale); la nuova piazza di Tremulini (comunità e relazioni); Piazza Italia (impegno politico).


PER APPROFONDIRE: Cammino sinodale, all’ultima lectio zonale il valore delle relazioni


In questi tre luoghi dalle 18, come l’anno scorso, saranno presenti ragazzi e giovani di diversi gruppi, che rifletteranno e porranno domande in ascolto dello Spirito, partendo da un’analisi del quotidiano. Successivamente, alle 20, i gruppi confluiranno alla scalinata del Waterfront per la veglia comunitaria presieduta dall’arcivescovo Fortunato Morrone.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»