Avvenire di Calabria

Entusiasmo e partecipazione per la cerimonia di inaugurazione dell'innovativo spazio urbano

Reggio Calabria, si alza il sipario sul Waterfront

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Waterfront di Reggio Calabria è finalmente realtà. Sì è alzato il sipario sulla grande opera pubblica destinata a segnare uno spartiacque decisivo nella storia della città e soprattutto nel rapporto tra essa e il proprio mare. La cerimonia di inaugurazione tenutasi ai piedi della monumentale scalinata di fronte al Lido Comunale, ha chiamato a raccolta la cittadinanza, le massime autorità cittadine e rappresentanze istituzionali del Mezzogiorno, del tessuto imprenditoriale, dell'associazionismo, del mondo sociale e della cultura. Un momento fortemente sentito dai reggini che possono da oggi riappropriarsi di un grande e innovativo spazio urbano che restituisce l'immagine di una città ambiziosa e pronta a cogliere le opportunità del presente ma con lo sguardo già rivolto alle sfide del futuro. Su tutte il Museo del Mare di Zaha Hadid da pochissimo inserito dal governo fra le opere di rilevanza strategica a livello nazionale.

Tra le tante autorità che hanno voluto partecipare allo storico evento, al fianco del sindaco Giuseppe Falcomatà, presenti il presidente nazionale di Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il presidente f.f della Regione Calabria, Nino Spirlì e la sottosegretaria per il Sud e la Coesione Territoriale, Dalila Nesci.

"Un'opera pubblica è di tutti, appartiene a tutti. Oggi celebriamo un Sud che ha finalmente la consapevolezza di poter uscire dai vecchi schemi e ambire al ruolo di motore dello sviluppo del Paese" ha detto in apertura il sindaco Falcomatà. "È questo il modo migliore per ripartire dopo oltre un anno di sofferenze e nel pieno di una battaglia che dobbiamo ancora superare e vincere. In queste piazze e in questi luoghi si respira libertà e partecipazione e questo è solo il tassello di un puzzle più ampio. Le citta crescono e si trasformano attraverso la continuità della programmazione e la visione di sviluppo di questa città nasce da lontano, dalla riacquisizione del nostro lungomare che ci ha liberato dal padrone delle ferriere, è andato avanti con la progettazione dell'amministrazione Scopelliti e prosegue oggi con la trasformazione di questi percorsi in realtà con l'idea di avere un unico fronte mare cittadino che va da Catona a Bocale".

"Il lungomare di Reggio Calabria è un modello - ha detto Emiliano - e oggi noi siamo qui perché siamo amici della Calabria, di Reggio e del sindaco Falcomatà. È una giornata di festa e come si fa in questi casi si invitano i vicini. Oggi abbiamo la riprova delle enormi capacità del Sud di determinare con le proprie forze il destino dei territori. Non è più il tempo degli uomini soli al comando, oggi la storia la fanno le comunità, lo spirito identitario e l'impegno civile. Esattamente quello che sta accadendo a Reggio Calabria".

"Avevo fatto una promessa a Giuseppe, dopo aver parlato ed esserci confrontati tanto sui nostri Waterfront" ha detto Devaro, "e nei suoi occhi vedo lo stesso orgoglio che abbiamo provato a Bari. Questa è l'ennesima dimostrazione dell'energia di un Sud che non vuole arrendersi alle etichette che gli vengono appiccicate. Oggi diamo prova delle competenze di una classe dirigente che sa programmare e sa spendere le risorse di cui dispone. E quella realizzata da Reggio Calabria è certamente una delle operazioni urbanistiche più importanti del Mezzogiorno, un'opera virtuosa di ricucitura con il mare non solo fisica ma prima di tutto sociale e culturale".

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.