Reggio, oltre 650mila euro per l’edilizia residenziale pubblica – avveniredicalabria

avveniredicalabria

"Palazzo San Giorgio procede spedito verso la rigenerazione di alcuni importanti immobili di proprietà comunale"

Reggio, oltre 650mila euro per l’edilizia residenziale pubblica

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Palazzo San Giorgio procede spedito verso la rigenerazione di alcuni importanti immobili di proprietà comunale. La Giunta guidata sindaco Giuseppe Falcomatà, infatti, ha deliberato in favore della manutenzione straordinaria della Caserma dei Carabinieri del viale Calabria, della sede della Direzione Investigativa Antimafia di Calamizzi e di alcuni edifici adibiti ad Edilizia residenziale pubblica (Erp).
Le somme destinate agli interventi sono di poco superiori a 650 mila euro e rientrano nel più complessivo finanziamento da 1,5 milioni individuato nei “Patti per il Sud”, l’accordo firmato tra il Comune di Reggio Calabria ed il Governo su ingenti stanziamenti per le principali linee di sviluppo.
«Stiamo mettendo in campo un’importante azione di recupero dei beni esistenti», ha spiegato l’assessore al Patrimonio Edilizio, Rocco Albanese, aggiungendo: «Nello specifico, andremo a riconsegnare utilità e decoro ad immobili che, da tantissimo tempo, aspettano interventi di manutenzione straordinaria e che, comunque, rappresentano presidi di legalità sul nostro territorio».
«La Caserma dei Carabinieri del Viale Calabria – ha spiegato Albanese – è quella che prevede il finanziamento più importante, pari a 296 mila euro. Lì vi trovano sede la prima Compagnia dell’Arma della provincia di Reggio ed il centro dell’Unità Radio Mobile del Comando. Insomma, è evidente l’importanza che tale struttura ricopre per la sicurezza della collettività. Andranno fatti lavori all’interno ed all’esterno dell’edificio per riqualificare gli spazi dedicati agli alloggi e alle necessità dei militari».
«L’altro intervento – ha continuato l’assessore – riguarderà la sede della Dia. Anche in questo caso, è strategica la funzione che il plesso ricopre per l’intero comprensorio. Con circa 150 mila euro si andranno a ripristinare e migliorare le condizioni di sicurezza ed il confort abitativo degli alloggi e degli uffici in cui trova sede l’organismo interforze impegnato a contrastare la criminalità organizzata mafiosa. Infine, poco più di 203 mila euro sono stati impegnati per il progetto esecutivo d’ammodernamento dell’Edilizia residenziale pubblica».

«Insomma – ha concluso il delegato della giunta Falcomatà – adesso siamo nelle condizioni di poter mettere finalmente mano ad un settore particolarmente delicato che, per anni, è rimasto ingessato. L’individuazione di queste nuove risorse ci consente di riqualificare e riconsegnare valore al corposo patrimonio immobiliare del Comune che ne guadagna, oltre che in sicurezza, anche da un punto di vista urbanistico».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.