Avvenire di Calabria

Noto alla cronache giudiziarie col nomignolo "Nano feroce", guidò la frangia degli scissionisti che causò la seconda guerra di 'ndrangheta

Scarcerato il boss della ‘ndrangheta Nino Imerti

Dopo 28 anni di reclusione, godrà della libertà vigilata. Fu il mandante dell'omicidio di Paolo De Stefano nel suo quartier generale di Archi

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scarcerato il boss della 'ndrangheta Nino Imerti. Capo scissionista nella ndrangheta reggina, diede l’avvio allo scontro armato contro gli ex alleati De Stefano-Tegano-Libri.

Scarcerato il boss della 'ndrangheta Nino Imerti

Torna in libertà, dopo 28 anni di carcere, il boss di ‘ndrangheta Antonino Imerti (72 anni). Cognato del boss Domenico Condello detto “u pacciu”, è il capo scissionista nella ndrangheta reggina.

La sua azione criminale diede l’avvio allo scontro armato contro gli ex alleati De Stefano-Tegano-Libri. La “ribellione” di Antonino Imerti, detto “nano feroce”, nasce da un fallito attentato contro di lui attuato con un’autobomba a Villa San Giovanni, che il boss rampante attribuì come mandante a Paolo De Stefano. 

La reazione di Imerti contro l’ ex alleato, all’epoca – il 10 ottobre 1985 – fu violentissima. Paolo De Stefano, latitante, fu assassinato insieme ad un guardaspalle, mentre transitava a bordo di una moto in via Mercatello, nel cuore del quartiere reggino di Archi. Da lì, si scatenò la violentissima “guerra di ndrangheta”, a Reggio Calabria e in provincia, che in cinque anni provocò quasi mille omicidi. Antonino Imerti è stato sottoposto alla libertà vigilata.

La cronaca dell'arresto (1993)

Pollici nella cintola dei jeans, sguardo beffardo, andatura un po' dondolante, leziosa. Se simboli e gesti hanno un significato, e nella 'ndrangheta ne hanno tanto, il capomafia si presenta davanti ai giornalisti da vero capo.

Antonino Imerti, detto "nano feroce", è stato catturato nella notte, su una trazzera tra Fiumara di Muro e Rosalì, nel suo territorio, dove godeva di mille e mille protezioni. Assieme al quarantasettenne superboss in manette il fido cognato Pasquale Condello.

La 'ndrangheta è decapitata. Il colpo è mortale? «Se non proprio mortale è sicuramente un colpo durissimo». Lo spiega il capo della polizia Vincenzo Parisi. Imerti è il Riina della mafia calabrese, l'uomo dai collegamenti importanti. In tasca aveva degli appunti compromettenti, nomi e numeri di telefono che portano alla criminalità politico-mafiosa.

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.