Avvenire di Calabria

L'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione ha sbloccato ulteriori somme pari ad oltre un milione di euro

Diritto allo studio in Calabria, nuova iniezione di risorse

Già ad agosto la Regione aveva messo a disposizione 4,3 milioni di euro destinati a servizi vari, tra cui il contrasto alla dispersione scolastica

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il fondo regionale per il diritto allo studio beneficia di una nuova iniezione di risorse. 1,3 milioni di euro che si aggiungono agli oltre quattro milioni e mezzo stanziati lo scorso mese di agosto con l'approvazione del "Piano per il diritto allo studio 2023-2024".

Scuola in Calabria, nuove risorse per il diritto allo studio

Il via libera è giunto grazie all'approvazione, lunedì 20 novembre, dell'assestamento di bilancio di previsione 2023/2025 da parte del Consiglio regionale della Calabria. Approvazione che ha sbloccato ulteriori risorse per il diritto allo studio.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Le ulteriori risorse stanziate dalla Regione contribuiranno a garantire i servizi essenziali, ad assicurare il diritto allo studio a tutti i calabresi, a favorire l'inclusione dei cittadini più svantaggiati che vivono in condizioni di particolare fragilità e a contrastare la dispersione scolastica.

Ecco la destinazione delle risorse

Un provvedimento «che rispetta gli impegni che avevamo assunto come giunta regionale», afferma la vicepresidente della Calabria con delega all'istruzione, Giusi Princi.


PER APPROFONDIRE: Caro scuola, la Regione corre in aiuto di 36 mila studenti calabresi


Le risorse, in particolare, saranno destinate soddisfare diverse attività: dall'assistenza specialistica, agli ausili didattici ed attrezzature per l’inserimento degli alunni disabili, fino ai contributi sui buoni pasto relativi al servizio mensa, contributi per le spese per i servizi residenziali (convitti e semiconvitti), trasporto scolastico, attività scolastiche in ospedale e istruzione domiciliare.

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?