Avvenire di Calabria

Gli interventi di riqualificazione saranno effettuati nel cantiere a vista allestito nel museo della Certosa

Serra San Bruno, al via il restauro della Varia

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Varia settecentesca e il busto argenteo di San Bruno presto saranno restituiti al loro antico splendore. Sono infatti partiti i lavori di restauro, a finanziare i quali, un importante istituto di credito italiano. Insieme ai capolavori di Caravaggio e di Antonello da Messina, ha deciso di valorizzare anche la preziosa opera d'arte serrese. Gli interventi saranno eseguiti presso il museo della Certosa a Serra San Bruno, dal restauratore Antonello Adduci e dal suo team. Diverse le fasi di restauro che potranno essere seguite dai visitatori direttamente nel cantiere che sarà aperto alle visite il lunedì.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La Varia di San Bruno risale al 1797 ed è custodita, assieme al busto del Santo, nella Certosa di Serra. A realizzarla, è stato l'artista napoletano Luca Baccaro. I quattro lati del "tronetto" processionale sono rivestiti di lamine d'argento lavorate a sbalzo con motivi fitomorfi. Al centro di ogni lato vi è un medaglione d'argento incorniciato con rami di palma di bronzo.

Il lato A raffigura una scena con i monaci certosini risparmiati dal terremoto del 1783.Nel lato B si vedono i monaci che ringraziano Dio per lo scampato pericolo. Nel lato C è riprodotto lo stemma della famiglia Taccone di Sitizano, donatrice della varia, e nel lato D lo stemma della Certosa. La Varia viene posta sotto al busto reliquiario argenteo di San Bruno, risalente al 1516, e conservato nella chiesa conventuale della Certosa.

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.