Avvenire di Calabria

Ieri l'appello dell'arcivescovo Morrone a cui ha fatto seguito un vertice istituzionale alla Cittadella regionale

Servizi psichiatrici, da Catanzaro passo in avanti

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Servizi psichiatrici, continua presso la sede dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria di Coop, lavoratori e familiari degli utenti, in attesa di garanzie certe, rispetto all’accordo raggiunto ieri a Catanzaro, nel corso di una riunione ospitata alla Cittadella con il commissario alla salute, Longo e a cui ha preso parte fra gli altri anche il commissario dell’Asp reggina, Gianluigi Scaffidi. Accordo che prevede il versamento di una parte di spettanze pregresse e l’avvio delle procedure dell’accreditamento.

Al di là degli aspetti politico-burocratici, la vicenda legati ai servizi psichiatrici in Calabria e in particolar modo a Reggio, ha fin qui assunto le pieghe di una vera e propria emergenza sociale, per l’impossibilità di poter garantire cure necessarie in loco agli utenti e, di conseguenza, supporto alle rispettive famiglie, costrette a farsi carico, il più delle volte, di veri e propri viaggi della speranza anche fuori regione.

Famiglie, ma anche lavoratori, che hanno apprezzato la ferma presa di posizione dell’arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, monsignor Fortunato Morrone, il quale, venuto a conoscenza delle condizioni di particolare disagio in cui versano le persone bisognose di cure psichiatriche, proprio nella giornata di ieri ha chiesto alle istituzioni e agli enti preposti di garantire a queste persone le dovute cure nella loro terra di Calabria. «Credo – le parole del vescovo – che gli uomini e le donne di buona volontà delle nostre Istituzioni possano trovare la giusta soluzione affinché questi nostri fratelli bisognosi possano essere curati qui in Calabria. Davanti a questo grido di sofferenza che ci viene consegnato dalle famiglie dei malati psichiatrici, non possiamo voltarci dall’altra parte. Siamo chiamati a dare una risposta di civiltà e di buon senso».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.