Avvenire di Calabria

Claudio e Pamela sono il papà e la mamma di un bambino reggino, Riccardo, con disturbi dello spettro autistico

Le sfide dei genitori di un ragazzo autistico: «Niente è insormontabile»

La disabilità spesso è conosciuta solo attraverso la lente clinica, ma poco raccontata attraverso quella genitoriale

di Claudio e Pamela Maragucci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La famiglia Maragucci ci apre le porte di casa: Claudio e Pamela sono i genitori di un ragazzo autistico. Con la loro testimonianza ci fanno conoscere difficoltà e opportunità che nascono nell'accompagnare il proprio figlio verso l'autonomia.

La testimonianza: «Noi genitori felici di un ragazzo autistico»

Siamo Claudio e Pamela, i genitori di Riccardo un bambino autistico di 9 anni e di altri 3 figli. Quando ci hanno chiesto di trasmettere una nostra testimonianza sull’argomento autismo, il primo pensiero è stato: «Cosa dire? Le solite frasi di circostanza che un lettore di qualsiasi giornale vorrebbe sentire, giusto per riempire un vuoto su una pagina?». Ma non è così che abbiamo imparato a vivere e raccontare la nostra storia. Per prima cosa c’è da dire che, la condizione di Riccardo, non è delle più gravi esistenti e che, la nostra voce deve servire a ricordare con forza, che vi sono famiglie che vivono un disagio davvero pesante con ragazzi e bambini con sindromi davvero debilitanti.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La cosa più importante che un lettore deve comprendere, ed intendiamo un casuale lettore di questa testata che per caso si trova a sfogliare il giornale, è che cerchiamo di immaginare come avremmo reagito ad una diagnosi di questo tipo, se non avessimo conosciuto, o per meglio dire, intravisto di sfuggita Gesù Cristo. Perché oggi, alla luce di questa vicenda, abbiamo imparato cosa significhino tante parole che ormai sono di routine nella Chiesa come “croce”, “rifiuto” “disprezzo” “emarginazione”, condizioni che hanno accompagnato la vita di Cristo, ma che spesso non si riescono a comprendere sino in fondo.

La forza della fede

L’autismo, come tante malattie invalidanti, è tutto ciò e, grazie all’incontro con l’amore di Gesù Cristo per la nostra vita, che è piena di tante “disabilità” dell’anima, oggi abbiamo la forza di poter sostenere nostro figlio e la famiglia che abbiamo davanti a ostacoli che, a volte, sembrano insormontabili. Ma serve anche impegno concreto perché, le tante e belle parole, si possano incarnare nella realtà di ogni famiglia che vive la “specialità della diversità”.


PER APPROFONDIRE: Autismo e scuola, non più puro “contenimento”: parola ai formatori


Se pensiamo alle preghiere più comuni come il Padre Nostro e l’Ave Maria, contengono verbi d’azione come fare, dare e preghiera. A questo è chiamata la Chiesa ed i cristiani tutti: pregare ed agire perché le famiglie e queste persone “speciali” possano vivere la loro condizione sostenuti da una comunità che non li abbandona ma possa contemplare, in loro, il riflesso del volto di Cristo.

Articoli Correlati

Adolescenti scuola

Adolescenti, la voce flebile della Scuola

Di fronte al “flop” dei nostri figli nelle prove Invalsi si inarca il sopracciglio, senza rendersi conto di quanto progressivamente la scuola sia stata “squalificata” e “mortificata”.