avveniredicalabria

Aderisce al progetto ''Discover museums''

Super-eventi per il Museo diocesano di Reggio Calabria

Apertura straordinaria dalle 17 alle 20, con ingresso gratuito e alle 18 una visita guidata

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla promozione dei Musei di Calabria è dedicato domenica 2 settembre il pre-evento della Notte dei Ricercatori “SuperScienceMe”, iniziativa in programma il 28 settembre, alla quale il Mibac ha riconosciuto il marchio “Anno del patrimonio culturale europeo 2018”.

L’importante evento scientifico che quest’anno coinvolge tutti gli Atenei calabresi, la Regione Calabria, il Polo museale della Calabria e il CNR sarà preceduto il 2 settembre da “Discover Museums”, pre-evento nell’ambito del quale i musei aderenti alla Notte dei Ricercatori coinvolgeranno i propri visitatori in un affascinante percorso di conoscenza delle proprie collezioni e delle attività.

Nel corso della giornata in tutti i Musei sarà proiettato un video promozionale sul patrimonio museale calabrese realizzato per l’occasione.

Il Museo diocesano di Reggio Calabria, in collaborazione con l’Università Mediterranea, domenica 2 settembre effettuerà un'apertura straordinaria dalle 17 alle 20, con ingresso gratuito e alle 18 una visita guidata a cura del Direttore del Museo.

Nell'occasione sarà possibile visitare la Mostra "Arte salvata dopo il terremoto: un restauro per Camerino" alla presenza dei restauratori Sante Guido e Giuseppe Mantella che illustreranno l'intervento sulla settecentesca "Macchina processionale" in argento proveniente dal Santuario di Santa Maria in Via a Camerino (Macerata), il cui cantiere è allestito al Diocesano.

Per quanti non abbiano ancora avuto l’opportunità di visitarlo, il Museo diocesano ritesse le fila di arte e storia della diocesi di Reggio Calabria-Bova, con ampio rinvio al territorio da cui provengono le opere esposte (la Cattedrale sette-ottocentesca, l’antica sede episcopale di Bova, i centri di Scilla e Cardeto, solo per citare alcuni dei siti coinvolti).

Varcare la soglia del Cortile dell’Arcivescovado consente di scoprire l’ala tardo-settecentesca dell’antico Palazzo arcivescovile che ospita nel Museo diocesano allestito a pianterreno un articolato percorso espositivo con una preziosa collezione di oreficerie e tessuti sacri, sculture e dipinti databili tra XV e XX secolo, esito di artisti napoletani e siciliani, ma anche d’Oltralpe.

L’appuntamento con “Discover Museums” a Reggio Calabria è fissato domenica 2 settembre dalle 17 alle 20 al Museo diocesano: un invito particolare è rivolto ai docenti che vogliano cogliere un’opportunità di conoscenza del Museo e dell’articolata proposta didattica che i Servizi educativi museali rivolgono alle Scuole (in distribuzione la brochure “Tutto un altro Museo 2018-2019”).

Articoli Correlati

Waterfront, cultura e bellezza per far ripartire il territorio

“La cultura del bello che promuove il territorio”, questo il titolo dell’evento ospitato presso la Pinacoteca civica di Reggio Calabria a cui hanno preso parte, oltre al sindaco e all’assessore alla cultura, le massime autorità culturali del territorio.

Reggio, al museo diocesano si educa alla bellezza

Gli studenti dei corsi tirocinio Irc e Laboratorio Progetto Educativo dell’Istituto superiore di scienze religiose (Issr) reggino in visita virtuale. L’incontro è stato tenuto dalla dottoressa Lucia Lojacono.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.