Avvenire di Calabria

Stasera alle 18 all’ex Minicipio di Radicena

Taurianova ospita la poetessa Maram Al Mastri

Relazionerà Michele Caccamo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Stasera alle 18, presso l’ Ex Municipio di Radicena di Via XX Settembre a TAURIANOVA sarà presente la poetessa siriana MARAM AL MASTRI . Un evento organizzato dalla Proloco Taurianova; “ Nel Cuore”, Consulta Associazioni Taurianova; “Amici del Palco” associazione di promozione socioculturale; CulturalMente e dall’ Associazione Socio Culturale "IL Castello San Martino". Cifra dominante, nei versi spesso brevissimi, icastici e apparentemente semplici di Maram, definita «poetessa della naiveté», sono la nostalgia - tipica di chi è costretto a vivere lontano dalla propria terra - ma anche l’impossibile possibilità dell’amore e le difficoltà dell’essere donna, ad ogni latitudine. In «Io e la mia felicità», ad esempio, scrive: «Io e la mia felicità/ aspettiamo/ le vibrazioni dei tuoi passi»; mentre altrove ammette, sempre in versi: «Le donne come me/ non sanno parlare;/ la parola ...rimane/ di traverso in gola/ come una lisca/ che preferiscono inghiottire./ Le donne come me/ sanno soltanto piangere/ a lacrime restie/ che improvvisamente/ rompono e sgorgano/ come una vena tagliata./ Le donne come me/ sopportano gli schiaffi,/ senza osare renderli./ Tremano di rabbia/ e la reprimono./ Come leoni in gabbia,/ le donna Siria, per lei, è «una ferita che sanguina». Maram al-Masri lo scrive negli struggenti versi della raccolta poetica Arriva nuda la libertà, tradotta dall’arabo in italiano da Bianca Carlino e pubblicata da Multimedia edizioni: la natìa Siria, per Maram, è infatti «mia madre sul suo letto di morte/ È la mia infanzia sgozzata/ il mio incubo e la mia speranza/ la mia insonnia e il mio risveglio»e come me/ sognano/ di libertà».

Articoli Correlati

Chiusa la V edizione del Concorso Madonnari di Taurianova

Tra i migliori artisti del gessetto provenienti da ogni parte del mondo è riuscito a prevalere, convincendo tutta la giuria tecnica, il trentenne messicano José Luis Rodrigues Aleman (n.29), vincitore assoluto del Concorso con l’opera “Somos la cura”