Avvenire di Calabria

75 anni vissuti a Reggio Calabria donandosi ai bambini e agli ultimi

Una vita dedicata agli altri, il Premio Anassilaos a suor Anselma

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con il Premio Anassilaos per “L’Attività di Promozione Umana e Sociale” conferito a Suor Anselma (al secolo Domenica Venuto) «per aver improntato la propria vita all’insegnamento evangelico ed essersi impegnata al servizio dei bisognosi» si è aperta la stagione 2021 del Premio Anassilaos. Al centro della sobria e intensa cerimonia, promossa dall’Associazione Anassilaos e dalla Fondazione “La Provvidenza”, con l’intervento dei rispettivi presidenti, Stefano Iorfida e Sara Bottari, l’eccezionale figura della religiosa nata a Saponara in provincia di Messina e a Reggio Calabria da 75 anni.

A Reggio Calabria dal 1946

Da piccola la fede e l’amore verso il prossimo l’hanno guidata ad abbracciare la vita conventuale e nel settembre del 1961 pronunciò i voti perpetui nell’Ordine delle Figlie di Maria Immacolata. Nella città dello Stretto giunse nel gennaio 1946, presso il “conservatorio delle Verginelle” in via Trabocchetto che ospita oggi la fondazione “La Provvidenza”. Di questa casa, ne conosce ogni metro. Ricorda dove c’è un intonaco da ritoccare, una finestra da sistemare e ricorda anche di ogni bambino o ragazzo la storia e le necessità della famiglia. L’incontro con la sofferenza delle orfanelle abbandonate e cresciute dalle suore la conduce verso una strada, fatta di gioie, preghiere, sacrifici e amore verso Dio, l’infanzia e l’adolescenza. In questa casa riceve la vocazione e nonostante le iniziali riluttanze della famiglia decide di rispondere alla chiamata del Signore e rimanere come novizia presso l’Ordine delle Figlie di Maria Immacolata, comunemente conosciute come Immacolatine.

"Mamma" delle orfanelle e di chi ha bisogno

«Io non voglio essere mamma di tre o quattro bambini, ma voglio essere mamma delle orfanelle e di tutti quelli che hanno bisogno», e così è stato e così è ancora oggi all’età di 91 anni appena compiuti. L’instancabile suor Anselma è accanto ai bambini in condizioni di disagio, ai disabili, ai poveri, i bisognosi e alle loro famiglie, sia come madre superiora, ma soprattutto come responsabile dei centri diurni per minori che fanno capo alla Fondazione “La Provvidenza” di Reggio Calabria.

Maestra di solidarietà e altruismo

Suor Anselma, durante la sua vita, ha educato, cresciuto e aiutato migliaia di bambini; insegnando loro non solo a leggere e a scrivere, ma anche a comprendere il significato di solidarietà e altruismo; divenendo per alcuni di loro che ancora oggi le sono accanto, quasi una mamma. Attiva ed entusiasta della vita è solita ripetere «grazie, Signore, per avermi regalato un altro giorno. Tu non eri obbligato ma hai voluto ugualmente che io ci fossi ancora per lodati e ringraziarti».

Articoli Correlati

26esimo Premio Anassilaos Mimosa: le insignite

Anche in tempi di covid l’Associazione Anassilaos non ha voluto mancare questo appuntamento anche se la data di consegna dei riconoscimenti conferiti si terrà, sempre a causa del covid, come già nella trascorsa edizione, in una data ancora da stabilire

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.