Avvenire di Calabria

Lo ha ideato un giovane ristoratore palmese portatore della Macchina a spalla patrimonio Unesco

Varia di Palmi, ecco il dolce ispirato al Sacro Carro

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Voliri volari… a Varia avi a scasari» è il grido che gli ‘Mbuttaturi (portatori) della Varia di Palmi gridano prima della partenza. Come a dire «qualsiasi cosa accada, la Varia deve partire». Da questo motto prende il nome il dolce ideato e realizzato da Vincenzo Barilà, giovane ristoratore palmese. Il dolce trae ispirazione proprio dalla forma, così riconoscibile, della Varia di Palmi.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il dolce richiama la tradizione. Ma si presenta, allo stesso tempo innovativo per forma e gusto.  Come base dei biscotti di frolla, richiama ai cinque colori distintivi delle 5 corporazioni degli ‘Mbuttaturi: blu dei Marinai, rosso degli Artigiani, giallo dei Carrettieri, arancione dei Bovari e verde dei Contadini.

La Varia di Palmi è patrimonio immateriale Unesco

Storicamente le 5 corporazioni, legate alla Varia di Palmi, rappresentavano gli antichi mestieri a cui appartenevano i portatori del Sacro Carro. Anche se ormai non vi è più questo nesso per via del mutare della società, è rimasto ugualmente un forte senso di appartenenza di ciascuno alla propria corporazione.

Sopra i biscotti un semifreddo al cioccolato bianco e amarene, con la caratteristica forma di nuvola “soffice”, che rappresenta in pieno il carro della Varia, simbolo dell’Ascensione in cielo di Maria Vergine.

Varia di Palmi, il ristoratore: «Ecco cosa mi ha ispirato»

«Sono molto legato alla Varia e all’associazione ‘Mbuttatur», afferma il giovane ristoratore di Palmi, Vincenzo Barilà, il quale è iscritto all’associazione dal lontano 2008. «Da – prosegue - sono stato ‘Mbuttaturi sotto le travi della Varia in ben 5 edizioni (2008, 2013, 2014, 2016, 2019). Provo un amore viscerale per questa manifestazione e per l'associazione tutta, a tal punto da volerla omaggiare con un dolce creato appositamente».


PER APPROFONDIRE: Titolo articolo, poi inserire il link, poi farlo di colore arancione, in grassetto e sottolineato


Il nuovo dolce “Voliri Volari” è dunqueil suo tributo personale ed originale della pasticceria ad una delle più importanti feste religiose calabresi, inserita nella lista dei beni patrimonio orale e immateriale dell'Umanità.

Articoli Correlati

Varia di Palmi, Irto ne parla in Senato

Il presidente del consiglio regionale: «È la bella immagine della Calabria nel mondo». Lo ha affermato intervenendo al Senato alla presentazione dell’edizione 2019 della processione della grande macchina a spalla, dal 2013 inserita in una rete riconosciuta patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.