Avvenire di Calabria

Il parroco di Bagnara Calabria ricorda la visita alla casa del «principe dei giornalisti» italiani in Toscana

Vent’anni fa moriva Indro Montanelli, il ricordo di don Sarino Pietropaolo

L'emozione nel vedere da vicino la mitica Olivetti 22 che ha descritto la storia del Paese in modo unico

di Rosario Pietropaolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vent'anni fa moriva Indro Montanelli. Don Sarino Pietropaolo ricorda il giornalista. Fedele lettore de Il Giornale Nuovo e La Voce, il parroco di Bagnara Calabria ritrae quello che definisce «il principe dei giornalisti».

Vent'anni fa moriva Indro Montanelli

Vent’anni fa, come oggi, ci lasciava Indro Montanelli,il principe dei giornalisti che ha attraversato il Novecento e lo ha raccontato,  anno dopo anno, con inimitabile  verve e con cipiglio controcorrente.

Lo dico subito: non l’ho mai incontrato né gli ho mai scritto una lettera, ma ho avuto il dono di tenere con lui un lungo sodalizio, come tanti italiani, iniziato in maniera stabile dal 1974 comprando tutti i giorni Il Giornale Nuovo, e seguendolo  anche, nella breve ed esaltante avventura de La Voce. Montanelli, e il grande e dimenticato purtroppo, Ricciardetto (Augusto Guerriero) sono stati per me veri maestri nello scrivere. Tanti in questo mese lo ricordano con libri di ricordi, e articoli vari, qualcuno anche impudentemente autoproclamandosi allievo e sodale.

Nemo propheta in patria

Oggi voglio ricordarlo, raccontando un episodio che mi è capitato giusto dieci anni fa. Mi trovavo ospite di amici ad Empoli, e spesso andavo in giro  alla scoperta di alcune località vicine, Lucca, Firenze, Pisa, Certaldo, patria di Boccaccio.

Una mattina usciamo presto alla ricerca di piccole fabbriche artigianali di scarpe, e  ad un bivio improvviso campeggia un segnale stradale "Fucecchio". Ci inoltriamo e poco dopo sulla strada due vigilesse. Chiedo: «Dove si trova la Casa di Montanelli?». Si guardano sorprese. Insisto: «C’è qui la Fondazione Montanelli?». La risposta: «Non sappiamo, salendo in paese potete chiedere». Mi allontano borbottando tra me «Nemo propheta in patria! Anche a te la stessa antica maledizione», dico in un ipotetico confronto con l'Indro.

La mitica Olivetti 22

La mia piccola Ford arrampicandosi, s’intrufola in un vicolo molto stretto: seduto su un gradino un giovane signore si sventola con un giornale. «Cerchiamo la Casa di Montanelli?». Questa volta la risposta è diversa: «Siete della  RAI? La stiamo aspettando per un servizio, sono dieci anni oggi dalla sua morte». Pochi passi a piedi e ci fa entrare. La visitiamo attardandoci. La sua biblioteca con una piccola scaletta in legno chiaro per accedere ai libri. E poi, ecco la sua scrivania, con la mitica Olivetti 22: la foto di rito, in piedi, quasi con venerazione.

Vent'anni fa moriva Indro Montanelli
Don Pietropaolo, sulla sinistra, dentro lo studio di Indro Montanelli

Un requiem aeternam silenzioso per non turbare quella quiete, e usciamo. Mi  tornano in mente alcuni episodi, specie i colloqui con preti e religiosi: la confidenza al cardinale Martini: «Vi invidio per la vostra fede». E anche una notizia sussurrata nei giorni successivi alla morte, in quei giorni nei corridoi della clinica la Maddonnina dove Indro si preparava a lasciare questo tempo e scriveva il suo ultimo articolo: l’epitaffio  si aggirava spesso, di sera e con circospezione un frate francescano.


PER APPROFONDIRE | L'amicizia tra il nostro primo direttore, don Lembo, e Indro Montanelli (Leggi l'articolo)


E poi passeggiando  per quelle viuzze strette, concludiamo una mattinata eccezionale. Mentre mi allontano mi viene in mente un bel libro del giornalista  di penna fine e graziosa Giorgio Torelli, al quale il«fenicottero dal lungo naso affidò per anni la terza pagina del Giornale perché la domenica narrasse del Vangelo e della vita dei cristiani», pubblicato un anno dopo la morte. Il Padreterno e Montanelli si sono incontrati. Ha avuto Indro le spiegazioni che cercava? Credo proprio di sì.

Articoli Correlati

Michele Porcelli, il cordoglio di Avvenire di Calabria

L’operatore e registra di LaC Tv è morto in circostanze tragiche durante le riprese di uno speciale sul quale stava lavorando assieme ai colleghi Comito e Bellissimo. Nel tentativo di recuperare il suo drone ha perso l’equilibrio ed è scivolato in un dirupo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.