Avvenire di Calabria

A rendere nota la notizia del nuovo incarico l'Ufficio comunicazioni sociali della diocesi lametina

Cec, il vescovo Parisi delegato alla Cultura e Comunicazioni sociali e Beni culturali

Il presule originario di Santa Severina ha «un'esperienza di giornalista, da sempre aperto al confronto con il mondo dell'informazione»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Monsignor Serafino Parisi, vescovo di Lamezia Terme, è il nuovo delegato della Conferenza episcopale calabra (Cec) alla Cultura e Comunicazioni Sociali ed ai Beni culturali. A darne notizia l'Ufficio comunicazioni sociali della diocesi lametina, augurando, insieme alla redazione del giornale diocesano "Lamezia Nuova", buon lavoro per il suo nuovo incarico al presule.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


A proposito del nuovo incarico del vescovo Parisi, come delegato della Cec alla Cultura e Comunicazioni Sociali e ai Beni culturali, si legge nella nota, «La sua esperienza di giornalista, unita al suo sguardo di pastore attento anche al mondo dell’informazione, rappresentano un punto di partenza importante per avviare un dialogo aperto e di confronto con il panorama regionale dell’informazione, specialmente quella del settore cattolico».


PER APPROFONDIRE: Cec, vescovi calabresi a confronto su giovani, lavoro e formazione dei futuri presbiteri


Un compito importante, ancora la nota, «in un settore, quale è quello dei media, che oggi più che mai attraversa un momento di particolare crisi e che, siamo certi, troverà nel Vescovo Parisi un ottimo interlocutore».

Articoli Correlati

chiese estinte reggio calabria

Alla riscoperta delle chiese estinte di Reggio Calabria

Sapete cosa sono le chiese estinte? E sapete che ne esistono diverse anche a Reggio Calabria? Grazie al lavoro certosino dell’architetto Renato Laganà siamo andati alla riscoperta delle parrocchie che non esistono più, ma che hanno fatto la storia della diocesi reggina.