Avvenire di Calabria

Il racconto di una giornata di servizio di Piera del Servizio Civile Nazionale

Vita in Caritas: i ragazzi di San Sperato a Casa Accoglienza

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Pubblichiamo il racconto di una giornata di volontariato di Piera, volontaria per il Servizio Civile in Caritas.

di Piera Crucitti - In una domenica d'inverno, Casa Accoglienza ha visto arrivare i ragazzi del Gruppo Ricerca della parrocchia di S.Sperato accompagnate da due amiche, con cui condivido il percorso da catechista, ossia Grazia Pellicanò e Angela Surace.

L’idea di portare i ragazzi nella sede in cui svolgo il servizio civile, è nata qualche settimana fa, quando tutte e tre ci siamo dette: è tempo di proporre al gruppo la prima esperienza di volontariato e condivisione. I ragazzi hanno accolto con entusiasmo il nostro invito e da subito hanno iniziato a organizzare insieme giochi e attività.

Al nostro arrivo, siamo stati accolti nel salone Castellini e i piccoli ospiti di Casa Accoglienza, accompagnati dalle mamme, sono timidamente spuntati dalle loro camere, dopo l’abituale riposino pomeridiano. Non sono occorsi più che cinque minuti perché i bambini entrassero in sintonia con i ragazzi, i quali hanno gestito l’intero intrattenimento con molta disinvoltura e maturità, coinvolgendo tutti. In un clima allegro e gioviale non poteva certo mancare il momento della merenda, e via con i dolci preparati dalle giovani mani delle nostre fanciulle che nulla hanno da invidiare ai migliori pasticceri… gesto molto gradito da grandi e piccini. La nostra allegra visita è andata avanti tra racconti, musica e balli, fino al momento dei saluti.

La decisione di far conoscere una realtà abbastanza forte presente nel nostro territorio a un gruppo di ragazzi di quattordici anni, è motivata dall’esigenza di tradurre in opere quello che per anni abbiamo continuato a instillare nelle loro coscienze: l’importanza del donarsi senza riserve, di guardare l’altro con occhi buoni e liberi da preconcetti, e soprattutto, la bellezza di regalare un po’ del proprio tempo prezioso a persone desiderose di affetto e sorrisi.

Questa bella esperienza è servita a tutti e io non mi sento esclusa: l’iniziale senso di agitazione che avvertivo si è sciolto appena ho visto con quanta naturalezza i ragazzi hanno catturato l’attenzione dei piccoli. Siamo tutti un po’ fortunati finchè possiamo parlare a cuori così giovani, uomini e donne del domani, e se avremo fatto un buon lavoro, ci sentiremo ancora chiedere: “quando tornate a trovarci?”.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.