Avvenire di Calabria

La sponda veronese del lago ha ospitato un tempo di fraternità tra i diversi gruppi “Animatema” d’Italia

Animatema, i giovani cosentini in trasferta sul Garda

Grande entusiasmo dai ragazzi partiti dalla Calabria. Si tratta di giovani delle diocesi di Cosenza e Cassano

di Zaira Sorrenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Animatema, i giovani cosentini in trasferta sul Garda. La sponda veronese del lago ha ospitato un tempo di fraternità tra i diversi gruppi “Animatema” d’Italia. Grande entusiasmo dai ragazzi partiti dalla Calabria. Si tratta di giovani delle diocesi di Cosenza e Cassano.

Animatema, incontro sul Garda

Convocati da tutta Italia, dopo la lunga pausa imposta dall’emergenza epidemiologica, per ripartire vivendo un’esperienza essenzialmente di fraternità. È l’invito che Animatema di Famiglia (Ufficio Famiglia Cei) ha rivolto ai giovani delle diocesi italiane, come ogni anno chiamate a formarsi per poter meglio servire i piccoli. Due le diocesi calabresi che hanno risposto: l’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano e la diocesi di Cassano all’Jonio. In entrambe Animatema di Famiglia è una realtà ben strutturata che svolge un importante lavoro di collaborazione e ausilio all’interno dei rispettivi uffici della Pastorale familiare diocesani.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'esperienza

Il corso si è svolto in un paesino del veronese, Castelletto di Brenzone, sulla riva Nord- Orientale del Lago di Garda; e, su un battello che lo attraversava, i partecipanti sono stati guidati da fra Marco Vianelli, direttore dell’Ufficio della Pastorale familiare nazionale, e poi da suor Antonella Piccirilli e dal resto del team dei formatori, in un viaggio alla scoperta di sé, guidati dal brano della pesca miracolosa, raccontato dall’evangelista Luca.

Tra i partecipanti calabresi, educatrici veterane, come le sorelle Guarnaccia, da tempo presenti non solo in diocesi ma anche agli eventi nazionali: «Un’enorme grazia essere stata chiamata, ancora una volta a partecipare al percorso di Animatema», spiega Anna; «c’è stato molto lavoro su noi stessi - necessario dopo quasi due anni di pandemia- accanto alla Parola di Dio, per poterla maturare nell’esperienza e nella propria vita, per poterla trasmettere in maniera viva ai ragazzi » ammette Cristina.


PER APPROFONDIRE: Animatema di famiglia, i giovani cosentini sui passi di don Mottola


Alle loro parole si aggiunge Miriam che spiega: «Immergersi nel Vangelo e identificarsi nei discepoli di Gesù, “sulla barca in mezzo al lago”, ha davvero smosso il cuore e le coscienze. Si è così rafforzato il legame, tra noi animatori, tra noi e la natura, tra noi e Dio, tra noi e la nostra terra». Dello stesso parere è Giulia Donato che si è sentita rapita, trasportata nella pagina del Vangelo: «è stato come essere sulla barca, accanto a Pietro. Ma anche l’attività seguita alla lectio è stata bellissima: ci ha fatto prendere consapevolezza del nostro corpo che spesso viene messo da parte nella vita spirituale e, invece, ci dice tante cose»

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.